Forum sull'Acqua, un successo insperato

181

Grande soddisfazione viene espressa per l’esito del Forum sull’Acqua di ieri, da parte del Comitato promotore, “Per Un’Altra Città”.

Il dibattito s’è svolto alla presenza di circa 100-120 cittadini, nonostante fosse stato organizzato in giornata ed orario lavorativo e fosse contemporaneo ad una conferenza organizzata da “Rifiuti Zero” a Palazzo Riccio di Morana, ad un altra organizzata sul tema della storia del corallo a Sant’Agostino dall’associazione “Amici del Museo Pepoli” ed una terza manifestazione per la presentazione di un libro promosso alla Vicaria da Arci Malatesta e, infine, ad un “pullman” organizzato da Rifondazione per Cinisi per le manifestazioni a ricordo di Peppino Impastato ucciso dalla mafia proprio il 9 maggio del 1978. Certo, allo stadio, domenica scorsa, per Trapani-Reggiana c’erano circa 6mila spettatori, ma non si possono paragonare i due Eventi. Riteniamo poco onesto sostenere che per il Forum, come ha fatto il free press “La Sberla”, sia stata «scarsa la partecipazione della gente».

Se la manifestazione è iniziata alle 17:15 ed è durata fino a quasi le 19.30 vuol dire che è stata ricca di interventi e contenuti. Fra il pubblico, anche, per segnalare la qualificatezza dell’Evento, i candidati sindaco di Valderice (Laura Grammatico, M5S), e di Paceco (Gianni Basiricò, PDL, e Maria Grazia Vultaggio, M5S).

Fra i primi ad intervenire Salvatore Tallarita, presidente dell’associazione “Misiliscemi”. L’oratore ha chiesto di conoscere se l’Amministrazione ha in corso una progettazione per il potenziamento del servizio idrico nelle frazioni a sud della città, ottenendo, però, solo delle generiche rassicurazioni. Lo stesso Tallarita, poi, ha suggerito – dato che l’ing. Sardo, in precedenza, aveva rivelato che l’Amministrazione spende, annualmente, circa 2 milioni di euro in consumi elettrici per alimentare le pompe nei pozzi e il trasporto dell’acqua – di investire nelle energie alternative (eolico, solare) al fine di risparmiare sui costi.

 

Successivamente Michele Messina, rappresentante dell’associazione “Famiglie Numerose”, dopo aver protestato vivacemente con l’Amministrazione per alcuni toni usati dalla stessa sulle famiglie con più figli, ha rappresentato la necessità di assicurare a chi ha famiglie numerose più acqua a tariffa agevolata. Le famiglie numerose – in sostanza ha spiegato Messina – non sprecano acqua e quindi non è equo che paghino l’eccedenza. Le famiglie numerose, semplicemente, hanno bisogno di più risorse idriche per soddisfare i bisogni primari di pulizia di più persone. Messina, infine, ha portato l’esempio di Palermo, dove recentemente, con la fattiva collaborazione della provincia con l’associazione “Famiglie Numerose” si sono ottenuti dei coefficienti che “allargano” la fascia a tariffa agevolata da 50% al 300%, a seconda la composizione della famiglia in 5, 6/7, o 8 persone.

E’ quindi intervenuto Salvatore Rotundo, maestro del lavoro e rappresentante di “Cittadinanza Attiva”,un’associazione di consumatori. Rotundo s’è soffermato sulla necessità di coinvolgere i cittadini e le associazioni dei consumatori nella redazione dei regolamenti dei servizi, nella statuizione delle tariffe, della scelta degli investimenti. “Cittadinanza Attiva”, quindi, ha evidenziato che, a suo parere, l’IVA sui servizi di fognatura e depurazione non sarebbe dovuta. In realtà di diverso avviso, ovvero per l’assoggettabilità all’IVA, troviamo diversi riscontri in rete (vedi sito webALTALEX, CLICCA QUI).

Breve ma significativo l’intervento di Antonino Bongiorno che ha lamentato, bolletta alla mano, come, ancora, vengano addebitate fatture “forfettarie” senza che l’Amministrazione effettui le letture dei contatori.

L’architetto Carlo Foderà, a nome dell’associazione ambientalista “Amici della Terra”, ha voluto allargare il discorso all’intero “ciclo dell’acqua”. Insomma alla fognatura e, sopratutto, alla depurazione delle acque. Foderà ha denunciato come “schizofrenico” l’attuale sistema di gestione del Comune: «Il processo di desertificazione è in atto – ha detto – e l’acqua non può essere buttata in mare. Va risparmiata e va riutilizzata». «L’acqua del depuratore consortile che si trova alle saline – ha insistito Carlo Foderà – dopo depurata, viene scaricata a mare e proprio vicino all’imbocco della presa d’acqua del dissalatore. Tanto vale, quindi, reimmetterla nel ciclo, usarla per l’agricoltura, per i lavaggi stradali, per l’irrigazione dei giardini pubblici». Quello che chiede, Foderà, in sintesi, è la rielaborazione del vetusto PARF, il Piano attuazione della rete fognaria.

L’intervento seguente è stato di Attilio Bonavires che, in sostanza, s’è concretizzato sulla richiesta di erogazione, da parte del Comune, di acqua potabile e non solo buona per uso sanitario.

 

Dopo un contributo del deputato regionale Girolamo Fazio, è intervenuto Giuseppe Laudicina. Si tratta di un trapanese con un’ottima esperienza nel settore, poiché è stato direttore dell’acquedotto di Marsala, poi di quello di Trapani e, infine, di quello dell’AMAP di Palermo. Oggi è consulente di Sicilacque. Laudicina, in particolare, ha sostenuto l’importanza di dotare il Comune, ed in particolare il servizio idrico, della “Carta dei Servizi”. «E’ l’unica maniera – ha sostenuto – per dare degli obiettivi di qualità ai funzionari ed al personale e chiederne rendiconto, anche disciplinare, in caso di mancato raggiungimento. E’ una maniera per fare lavorare di più e meglio il personale. Anche la semplice sanzione, a carico del Comune ed a favore del cittadino, di 20-50 euro, per il mancato mantenimento di uno standard aprirebbe, infatti, a carico del funzionario comunale, un procedimento per “danno erariale”».

Sempre Laudicina ha lanciato l’allarme: «Non fermiamoci a Bresciana (risorsa destinata a “seccare”, prima o poi, NdR), proviamo a diversificare l’approvvigionamento idrico».

Infine, al Forum, è intervenuto il sen. Antonio D’Alì. Il parlamentare, dopo essersi complimentato per l’iniziativa ed aver sostenuto che questi momenti di confronto, su temi di tale valenza, sono necessari e vanno incrementati, è tornato sul proprio “cavallo di battaglia” della “Grande Città”. Per D’Alì, infatti, solo consorziando un maggiore numero di Utenti, e quindi di Comuni, si possono ottenere quei “risparmi di scala” che permetterebbero un taglio alle tariffe dei servizio idrico. Anche D’Alì, poi, s’è dichiarato favorevole al “quoziente familiare”, nella determinazione delle tariffe, per agevolare le “famiglie numerose”.

L’Amministrazione, da parte sua, ha dato dei segnali di apertura rispetto ad alcune delle 17 richieste del Comitato “Per un’Altra Città”. Come sostenuto, però, da Natale Salvo, uno dei portavoce del Comitato, nel proprio intervento,«il Forum di oggi non è un punto d’arrivo, ma semplicemente il punto di partenza per ottenere, da parte del Comune, il rispetto dei diritti dei cittadini in riferimento al servizio idrico».

 

fonte: Natale Salvo

SHARE