Petrosino: impianto eolico Off Shore, Giacalone si oppone

110

Il 6 Giugno è stata indetta una Conferenza di servizi  per l’acquisizione dei pareri di competenza sul progetto esecutivo relativamente alla richiesta di concessione demaniale marittima per la realizzazione di un parco eolico off shore ricadente nel tratto di mare prospiciente la costa compresa tra Capo Feto e Punta Biscione.

L’opera in progetto consiste in un impianto eolico Off Shore che dista 2miglia marine dalla costa ed interessa una superficie di circa 40 km/q e che prevede l’istallazione di 48 aerogeneratori oltre alla realizzazione dei relativi cavidotti di asservimento in atterraggio sulla costa siciliana (Petrosino). Gli aerogeneratori, hanno un’altezza totale di 195 metri e emergono dal mare per 150 metri, verranno posizionati a profondità batimetriche variabili da 19 a 40 metri.

L’intervento è in contrasto con le caratteristiche paesaggistiche dei luoghi interessati dal progetto contraddistinti da un predominante stato di naturalità con scenari panoramici costituiti dalle coste e dallo specchio d’acqua ad esso prospiciente. L’eventuale presenza del parco eolico comporterebbe un impatto grave ed un ulteriore danno all’ambiente; inoltre, l’area interessata rappresenta un luogo di pesca importantissimo per la marineria del nostro comune e non solo, sostiene il Sindaco Giacalone.
In questa zona il fondale scende piuttosto gradatamente, con batimetriche che vanno dai 10 ai 60 metri ed oltre e la presenza di forti correnti che trasportano grandi quantità di plancton rende quest’area particolarmente ricca di vita e di colori. I fondali di Biscione sono, infatti, conosciuti dagli esperti diving e di pesca sportiva, per la ricchezza di fauna e flora marina e per la notevole biodiversità oltre che per le enormi distese di poseidonia oceanica che formano immense praterie

SHARE