Caso Giacchetto, avrebbe favorito anche 2 ex deputati trapanesi

63

E’ scoppiato la scorsa settimana il caso “Giacchetto” Rè della pubblicità Fantasma.

Fausto Giacchetto gestiva i fondi dell’ente di formazione Ciapi, che dal 2006 al 2010 ha speso piu di 8 miliardi di euro per pubblicizzare corso mai frequentati, mai pubblicizzati. Era lui, solo lui, a decidere quali concessionarie di pubblicità dovessero fare le inserzioni, i video e i banner dei corsi fantasma. E così nacque un vero e proprio sistema. Quello su cui adesso la Procura sta cercando di fare luce.

Dalle prime indagini, saltano fuori i primi nomi di politici  che venivano favoriti dall’imprenditore della pubblicità.

Tra questi anche 2 trapanesi, che insieme ai colleghi avrebbero ricevuto abbonamenti e biglietti gratis dal “re della pubblicità fantasma”, i nomi sono:

Luigi Gentile, Gaspare Vitrano, Pippo Scalia,  Francesco Cascio,  Livio Marrocco (trapanese, ex deputato), Mario Bonomo , Antonino Scilla (trapanese, ex deputato), Gerlando Inzerillo,

 

 

SHARE