Salone ancora contro il Sindaco: "Damiano adotta un comportamento antidemocratico e anti istituzionale

113

Con una nota diffusa a tutti gli organi di stampa, il consigliere Francesco Salone, attacca nuovamente il sindaco, accusandolo di non aver coinvolto ancora una volta ne consiglieri ne la commissione Lavori Pubblici, alla conferenza stampa indetta oggi. Di seguito riportiamo la nota del consigliere:

Il sottoscritto, nella duplice veste di Consigliere Comunale e Presidente della II Commissione Permanente Lavori Pubblici, Opere Pubbliche ed Urbanista, pur dichiarandosi felice per il favorevole esito dell’Atto di Indirizzo dallo stesso presentato in data 10 aprile 2013 prot. 41825 sulla “Redazione Piano Particolareggiato esecutivo di recupero del patrimonio edilizio esistente per il centro storico di Trapani (zone A1 e A2 del P.R.G.) e per la dotazione dell’Ufficio di Piano” votato all’unanimità dal Consesso Comunale in data 09 maggio 2013 Delibera n.56, con il presente comunicato stampa vuole stigmatizzare, di fronte all’ intera cittadinanza, il comportamento antidemocratico, anti istituzionale e prevaricatore adottato dal Sindaco e dall’Assessore al ramo Arch. Antonello Giglio, i quali non hanno avuto neanche la sensibilità di coinvolgere nella odierna conferenza stampa da loro organizzata sulla adozione di detta delibera né i Consiglieri né, cosa gravissima, l’intera Commissione che del dicastero costituisce parte integrante. Ulteriormente mortificante è l’avere appreso tale notizia da un amico professionista incontrato per caso e non, come d’obbligo, dalla dovuta fonte istituzionale. Null’altro da aggiungere, se non l’ennesima gravissima gaffe dimostrante quanto in poco conto il Sindaco ed i suoi accoliti (leggasi qualche Assessore), tengano in nessun conto Consiglieri regolarmente eletti dal popolo, senza rendersi conto di offendere, insieme a loro tutti i Cittadini che li hanno scelti a rappresentarli. Tanto dovevo per chiarezza ed informazione a tutta la Cittadinanza Trapanese perché ancora una volta prenda atto di tali gravi accadimenti.

SHARE