Zone Franche Urbane : se confermata circa 16 milioni di € per Trapani ed Erice

120

Runione positiva alla Regione per le Zone Franche Urbane siciliane.

Presenti tutti i comuni siciliani inseriti nel Decreto Ministeriale, per il Comune di Erice l’Ass. Mauro, che alla presenza dell’Ass. Vancheri hanno manifestato le varie criticità derivanti sopratutto dalle mutate condizioni economiche e sociali dei propri territori dato il lungo lasso di  tempo trascorso dalla presentazione delle proposte (2008).

Ampia discussione sulla ripartizione delle somme si è aperta su sollecitazione dell’Ass. Mauro che ha proposto che la stessa fosse attuata utilizzando gli stessi parametri con cui il CIPE aveva suddiviso  le somme a suo tempo alle ZFU di prima generazione ( Catania, Gela e Erice) e cioè tenendo conto della dimensione geografica e del disagio economico-sociale delle singole aree bersaglio.

La proposta è stata accolta favorevolmente sia dall’ Ass.re Vancheri che dai vari Sindaci, per cui se venisse confermata per le 3 ZFU dell’ormai ex Provincia di Trapani, la ripartizione sarebbe circa la seguente: Erice €. 8.244.000, Trapani €. 7.634.000 e Castelvetrano € 9.428.000.

Sollevata dall’Ass. Mauro anche la questione relativa alle somme già destinate al Comune di Erice,  circa 4.000.0000 di euro con la precedente delibera CIPE del 2009, che potrebbero essere recuperate con l’istituzione delle ZB0 (zone a burocrazia zero), così come previsto per legge.

Ass.re Linda Vancheri

L’Ass.re Vancheri ha manifestato la volontà ad approfondire la questione così come ha assicurato ampia disponibilità della Regione a concertare con i vari comuni la stesura dei bandi, che ricordiamo emanerà il MISE, al fine di avere bandi personalizzati per ogni singola ZFU.

La Regione invierà a breve delle schede ad ogni Comune al fine di raccogliere i necessari suggerimenti per, appunto, personalizzare i relativi bandi.

I convenuti si sono dati appuntamento per il 24 c.m. presso la sede Romana dell’ANCI per una riunione tecnica, che vedrà coinvolti tutti i 33 Sindaci dei comuni interessati dal provvedimento, per il Comune di Erice il Sindaco Tranchida e l’Ass. Mauro, per l’approfondimento e l’analisi del decreto, organizzata dall’Area Mezzogiorno e Cooperazione dell’ANCI, a cui parteciperà anche il Ministero dello sviluppo economico con i propri funzionari.

“Dal canto nostro, affermano il Sindaco e l’Assessore,  abbiamo già coinvolto i Sindaci di Castelvetrano e Trapani al fine di intraprendere un’azione sinergica e congiunta che veda i nostri rispettivi territori uniti nelle locali strategie di sviluppo.

Già domani incontreremo il Sindaco di Trapani Damiano a cui fin da ora diamo tutta la nostra disponibilità per attivare strategie di sviluppo congiunte, attesa la vicinanza delle due ZFU, per la riqualificazione dei territori interessati e più nello specifico siamo disponibili giá da subito a condividere  intenti comuni nell’opera di riqualificazione del Lungomare Dante Alighieri dove oltre la pista ciclabile, in corso di realizzazione, sono stati finanziate ulteriori somme, nell’ambito del finanziamento di 7ml di euro del Piano delle Città,  per la realizzazione di nuove viabilità  che seppure all’interno del territorio Ericino sono a servizio dell’intera  comunità trapanese (riqualificazione delle litoranea nord e viabilità confinante con il cimitero di Trapani).

Domani riproporremo quanto già fatto al suo predecessore e cioè la continuazione della pista ciclabile sul lungomare che colleghi il Giardino della  Tonnara nel territorio di Erice con il Mercato del Pesce nel Comune di Trapani regalando così ai nostri cittadini e ai molti turisti che visitano le nostre città uno dei più suggestivi panorami tra il cielo e il mare.”

 

SHARE