Domani la ricorrenza dei 25 anni dall'omicidio di Rostagno

75
Venticinque anni dall’omicidio di Mauro Rostagno. Sembrano tantissimi ma, in realtà, è come se poco o nulla fosse cambiato.
Il processo a carico dei mafiosi Virga e Mazzara è giunto, ormai, in dirittura di arrivo. L’auspicio è che si faccia chiarezza, ed è più che legittimo aspettarsi giustizia.
Resta il fatto che questo processo ha mostrato quanto sia ancora densa la coltre di omertà che avvolge i tentativi di venire a capo di questo delitto. Davanti ai giudici sono passati ex carabinieri smemorati, funzionari dei servizi segreti che sembrano cadere dalle nuvole, ex lottarmatisti addirittura infastiditi per essere stati convocati a dire qualcosa, vari e assortiti testimoni tutti accomunati da una gran confusione quando si tratta di ricostruire la vicenda umana e professionale di Mauro Rostagno a Trapani, il suo conflitto con gli interessi di Cosa Nostra, la presenza strutturata della massoneria e dei servizi segreti cosiddetti deviati in questa città.

Adesso, la difesa di Virga gioca la vecchia carta della pista interna alla Saman, con Chicca Roveri che quasi deve difendere se stessa, mentre il boss Virga ha espresso solennemente la propria innocenza.
E allora, chi ha ammazzato Rostagno? E perché?
Noi siamo fra quelli che qualche risposta se la sono già data, e in tempi non sospetti.
Nel frattempo resistiamo, a venticinque anni da quell’omicidio, in una città dove i magistrati vengono pedinati o minacciati fin dentro i loro uffici in tribunale; dove per dare una cittadinanza onoraria a un prefetto antimafia si impiegano circa dieci anni; dove un senatore della Repubblica è indagato per concorso esterno in associazione mafiosa; dove un prete – sospeso dai suoi capi in Vaticano per aver gestito allegramente i soldi della parrocchia – viene chiamato a testimoniare nel processo al suddetto senatore per via dei loro stretti rapporti; dove i cantieri delle “grandi opere” sono gestiti direttamente dalla solita cricca di mafiosi, dove i supermercati e i centri commerciali sono le casseforti di latitanti imprendibili.

Venticinque anni dall’omicidio di Mauro Rostagno. Tantissimi, eppure sembra ieri.
Coordinamento per la Pace – Trapani
SHARE