Maxioperazione scattano 30 arresti per i fiancheggiatori del Boss Messina Denaro

151

Un duro colpo all’organizzazione mafiosa capeggiata dal latitante messina denaro e’ stato inferto questa mattina dalle forze di polizia ancora impegnate in un’imponente operazione disposta dalla procura distrettuale antimafia di palermo nei confronti dei vertici operativi del mandamento di castelvetrano. Le indagini hanno confermato il ruolo dirigenziale tuttora rivestito dal latitante matteo messina denaro all’interno del mandamento e nella provincia mafiosa, accertandone la funzione di direzione tra le varie articolazioni dell’organizzazione e di collegamento con le altre strutture provinciali di cosa nostra. sono stati raggiunti dal provvedimento restrittivo anche familiari del latitante, tra cui il nipote francesco guttadauro, la sorella patrizia messina denaro, e i cugini giovanni filardo, cimarosa lorenzo e mario messina denaro. le indagini hanno accertato l’esistenza di un articolato circuito imprenditoriale, che assicurava di fatto il controllo quasi monopolistico nel settore dell’edilizia e relativo indotto, mediante la gestione e la realizzazione di importanti commesse, tra cui opere di completamento di aree industriali, parchi eolici, strade pubbliche e ristoranti. l’organizzazione era, infatti, in grado di monitorare costantemente le opere di maggiore rilevanza del territorio, intervenendo nella loro esecuzione con una fitta rete di societa’ controllate in modo diretto o indiretto da impreditori mafiosi ed elementi di spicco del sodalizio. con riferimento all’attività di sostegno economico al circuito familiare del latitante, e’ emersa la contiguità e il ruolo di responsabilità decisionale raggiunto in seno al sodalizio mafioso da patrizia messina denaro e da francesco guttadauro, rispettivamente sorella e nipote del ricercato. è stata inoltre accertata la diffusa pressione estorsiva esercitata sul territorio anche ai danni di imprese concorrenti e perfino di privati cittadini che avevano ereditato una rilevante somma di denaro. nel quadro delle complessive attivita’, la guardia di finanza sta procedendo, congiuntamente ai carabinieri e alla polizia di stato, al sequestro preventivo (art 321 cpp; art 12 sexies d.l. 306/92) di complessi aziendali riconducibili al latitante intestati a prestanome, costituiti da società operanti nel settore dell’edilizia, per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro.

(A breve il Video Servizio)

AGOSTA Antonella FABIANO Francesco (Paceco 23.3.1973) MARINO Giuseppe (Palermo 25.4.1977) MAZZARA Michele (Paceco 15.1.1960 MESSINA DENARO Mario MESSINA DENARO Patrizia PILATO Giuseppe SPEZIA Francesco TORCIVIA Salvatore (Palermo 20.5.1970)
SHARE