Io voto Custonaci: “L’attenzione per il settore marmifero è solo propaganda politica”.

142

Il gruppo consiliare Io voto custonaci, lancia un grido d’allarme per le sorti del bacino marmifero.

La tanto sbandierata unità di crisi, finalizzata al monitoraggio e alla risoluzione delle problematiche, non è stata istituita. Ci risultata, inoltre, che nessun rappresentante del Comune abbia partecipato all’audizione all’ars dello scorso 7 febbraio sulla riperimetrazione delle aree Sic e Zps. La conclusione è che l’attenzione per il futuro del settore lapideo è solo propaganda politica”. Lo dichiarano i consiglieri del gruppo consiliare “Io Voto Custonaci”  Romina Bica, Cristina Maranzano, Anna Maria Pintacoda, Totò Torre ed Elena Angelo.

“Con questo atteggiamento irresponsabile- proseguono i consiglieri- si mettono a rischio oltre 3 mila posti di lavoro ed il proseguo dell’attività di uno dei più importanti bacini marmiferi d’Italia”.

Come si ricorderà, il problema scaturisce dalle limitazioni all’attività estrattiva imposte, per ragioni di salvaguardia ambientale, nelle zone Sic e Zps della Rete Natura 2000, che non solo impediscono l’apertura di nuove cave ma che limitano l’operatività di quelle esistenti.

Pertanto è indispensabile rivedere la perimetrazione dei siti di interesse comunitario e delle zone di protezione speciale coinvolgendo tutti i soggetti interessati: le istituzionali locali e regionali, le organizzazioni di categoria, i cittadini.

Il 20 settembre 2013 la Regione  ha trasmesso ai Comuni della Sicilia la Relazione 2013 e la  Proposta di Norme di Attuazione 2013, relative all’aggiornamento dei Piani Regionali dei materiali da cava (P.RE.MA.C) e dei materiali lapidei di pregio (P.RE.MA.L.P.). I Comuni, così come previsto dalla norma, potevano presentare le loro osservazioni al Dipartimento dell’Energia, entro trenta giorni dal ricevimento della documentazione.

Il gruppo di minoranza ha presentato un’interrogazione al sindaco per chiedere se l’amministrazione comunale (che ha ricevuto la documentazione il primo ottobre 2013) abbia predisposto, nelle modalità e nei tempi previsti dalla normativa, osservazioni scritte in merito all’aggiornamento dei Piani Regionali visto che la “Relazione 2013 e la  Proposta Di Norme Di Attuazione 2013 presentano discordanze ed incongruenze nel perseguimento degli obiettivi dei Piani ed evidenziano una volontà politico-amministrativa ( da parte della Regione) volta a precludere e/o limitare l’attività estrattiva”. “E’ compito primario delle istituzioni adoperarsi affinché non vi sia nessuna disattenzione e superficialità”- hanno sottolineano gli esponenti di “Io Voto Custonaci”.

 

Con una seconda interrogazione, il gruppo consiliare ha chiesto notizie circa l’istituzione di unità di crisi sul settore marmifero. Nella nota viene evidenziato  come, nel corso del consiglio comunale straordinario dello scorso 15 novembre, fosse stato lo stesso primo cittadino ad annunciarne la costituzione.

In quell’occasione- hanno ricordato i consiglieri- si discusse delle problematiche del comparto legate all’aggiornamento dei Piani Regionali dei materiali da cava e dei materiali lapidei di pregio, all’approvazione del  Piano Forestale e all’incidenza dello stesso sulle aree in cui è esercitata l’attività estrattiva, nel territorio di Custonaci.

A distanza di tre mesi,  non è dato conoscere lo stato di fatto dell’impegno preso, né i criteri, le modalità ed i tempi; eppure fu lo stesso Bica a lanciare il grido d’allarme e a chiedere il coinvolgimento di tutte le categorie e della deputazione al fine di  “affrontare e risolvere, stavolta senza propaganda e demagogia, definitivamente l’annoso problema del comparto marmifero trapanese”.

 

Sulla vicenda è intervenuto Alberto Santoro, ex candidato sindaco alle scorse amministrative ed ex presidente di Confindustria-Marmo, che ha seguito personalmente, negli anni, l’iter che ha portato all’approvazione del Piano Regionale della Cave. “ Il Comune di Custonaci dovrebbe essere sempre in prima linea per la risoluzione delle problematiche attinenti il settore marmifero. Purtroppo abbiamo una amministrazione incapace di garantire e difendere il suo settore economico principale ed i suoi tantissimi lavoratori. A poco servono i proclami e le dichiarazioni a mezzo stampa. Occorre l’impegno quotidiano e costante ma soprattutto la volontà di far fronte alle emergenze del nostro comparto estrattivo”.

Gli esponenti di Io Voto Custonaci denunciano infine il fatto che  né il sindaco né un rappresentante dell’amministrazione comunale di Custonaci fosse presente il 5 febbraio a Palermo all’audizione della quarta commissione consiliare Ambiente e Territorio all’Ars sulla riperimetrazione delle zone Sic e Zps. Fatti riscontrabili attraverso il sito istituzionale della Regione Siciliana.

SHARE