Basket: Conosciamo Ferentino prossima avversaria della Pallacanestro Trapani

86

La formazione ciociara, guidata dal confermato coach Franco Gramenzi, dopo aver messo alle spalle un girone d’andata con il cartello “work in progress” sempre ben in vista, ha finalmente trovato quella stabilità che l’ha proiettata in piena corsa per il traguardo dei play-off. Non a caso l’atletico lungo, ex Fortitudo Bologna, William Mosley (1989) ha da tempo messo alle spalle il lungo infortunio occorsogli e nelle 15 gare finora disputate ha dato il suo contributo con 8.4 p.ti, 6.5 rimbalzi, il 58% da due ed un deficitario 57.1% ai liberi. Certo, numeri un po’ al di sotto delle aspettative ma le sue lunghe leve si fanno sentire nel pitturato, costringendo spesso gli avversari a correggere le parabole di tiro. Anche la guardia ala Rodney Green (1988) ha definitivamente superato i suoi acciacchi fisici, mettendo a disposizione del team amaranto quella duttilità che gli consente di giocare con efficacia in tutti i tre ruoli sul perimetro. Finora viaggia con numeri da MVP dell’intera Lega: 20.4 p.ti, 6 rimbalzi, 2.3 assist. Buone le percentuali da due (56.2%), in caduta libera invece quelle da tre (22.6%), arma in cui non eccelle. Andiamo ora alla mente della squadra, ossia Francesco Guarino (1979), specialista nel trovare l’uomo giusto al momento giusto ed ovviamente nel tenere in mano le redini del gioco. In questa stagione viaggia un po’ sotto media con 7.3 p.ti e 3 assist, tirando male sia da due (45.8%) che da tre (23.8%). Non è consigliabile commettere fallo su di lui nei finali di gara, dato che tira i liberi con il 88.9%. La guardia è l’altro veterano Ryan Bucci (1981), figlio del grande George, guardia USA che negli anni 80 indossò le maglie di Fortitudo Bologna, Pesaro e Siena. Dalla sua capacità di trovare il canestro anche nelle situazioni più complicate dipendono molto le sorti del team guidato da coach Gramenzi. Finora ha reso alla grande, risultando decisivo in diversi finali di gara e contribuendo alla causa con 15.7 p.ti, facendosi trovare pronto sia da due (52.4%) che dalla distanza (40.7%), vera specialità della casa. Nel ruolo di “quattro” tattico  troviamo Simone Pierich (1981) che l’anno passato ha fatto registrare discreti numeri a Casale Monferrato. Non dispone certo di un atletismo eccezionale ma è dotato di grande temperamento e negli anni s’è costruito un buon tiro da fuori. Importante anche il suo apporto alla voce rimbalzo. Le sue medie stagionali recitano 12.1 p.ti per gara conditi da 5 rimbalzi. Buone le percentuali da due (55.4%), eccellenti quelle da tre (44%) negli oltre cinque tentativi per partita. Può giocare anche qualche minuto da ala piccola. Il pivot è Luca Garri (1982), arrivato in corsa ad impreziosire il roster di Ferentino. Nel suo palmares 99 gare con la Nazionale, il Mondiale del 2006 e, soprattutto, l’argento olimpico ad Atene 2004. La stagione in corso lo vede protagonista con 11.5 p.ti, 5.3 rimbalzi, un ottimo 58.8% da due ed il 37.9% da tre. Non è di certo un grande intimidatore d’area ma in attacco sa giocare sia spalle che fronte a canestro, dove si affida alla sua mano educata. Una buona mano arriva poi dal play-guardia Marco Giuri (1988) che risulta affidabile nel tiro dalla distanza mentre raramente lo si vede in uno contro uno. Garantisce finora 5.2 p.ti con il 45.5% da due ed il 35% da tre. Da il suo contributo anche la confermata guardia del 1992 Salvatore Parrillo, proveniente dal vivaio della Juve Caserta. I suoi numeri sono in calo rispetto a quelli della scorsa stagione (2.2 p.ti in 13.5 minuti di utilizzo medio). Completano il roster infine Alessandro Paesano, ala del 1993 (1.8 p.ti), e Bruno Duranti (1993), guardia/ala finora poco utilizzato, entrambi provenienti dalla Stella Azzurra Roma (DNB).

SHARE