Damiano : " La nave romana di Marausa deve essere ospitata al museo Pepoli di Trapani. Cederla a Marsala sarebbe uno schiaffo alla cittadinanza trapanese"

102

 

Sindaco di Trapani
Vito Damiano

“La nave romana di Marausa deve essere ospitata al museo Pepoli di Trapani. Cederla a Marsala sarebbe uno schiaffo alla cittadinanza trapanese e a quella di Marausa in particolare. Mi meraviglio che un deputato trapanese, per di più legato alla realtà delle frazioni, sostenga il trasferimento a Marsala del prezioso reperto”. Lo sostiene il sindaco di Trapani che sta  concretizzando  un’intesa con  il professore Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare della Regione Siciliana. “Si tratta di una soluzione transitoria, poi sarà collocata all’interno del  museo del mare che l’amministrazione comunale intende realizzare nel centro storico-dice il primo cittadino-una scelta più che idonea per offrire soprattutto ai turisti che arrivano con le navi da crociera la possibilità di ammirare un’altra perla culturale della nostra Città”. Il relitto romano fu scoperto nel 1999 a tre metri di profondità nel mare trapanese di Marausa, da Antonio Di Bono e Dario D’Amico dell’Archeoclub. Si tratta di una nave commerciale che aveva ancora al suo interno anfore e ceramiche. E’  considerata “l’imbarcazione meglio conservata mai ritrovata”. Risalirebbe al terzo secolo D.C. E’ lunga 15 metri e larga  circa 5. Si era arenata a 150 metri dalla costa di Marausa Lido poco distante, pare, da un vero e proprio cimitero delle navi, in una zona dove spesso si incagliavano a causa dei bassi fondali. Senza contare quelle cartaginesi affondate dai romani nel 241 a.C. nella battaglia che concluse la prima guerra punica. Il relitto è stato recuperato nel 2011 e il restauro conservativo dello scavo è stato quasi completato da un laboratorio specializzato di Salerno. “L’amministrazione comunale del capoluogo ha già inserito idealmente la visita al relitto commerciale romano – afferma il sindaco- nel percorso culturale turistico, come una ulteriore attrattiva: le mura puniche, i gruppi dei Misteri custoditi nella chiesa del Purgatorio, le chiese barocche, le torri, il dedalo di  viuzze della città testimone della dominazione araba  e tutte le altre  meraviglie del nostro bellissimo territorio”.

 

SHARE