Egadi, sospese le concessioni demaniali, il sindaco ringrazia la Regione

93

Il sindaco delle Egadi, Giuseppe Pagoto, rivolge il proprio ringraziamento all’Assessore Regionale del Territorio e Ambiente, Mariarita Sgarlata, che ha accolto la richiesta dell’Amministrazione Comunale di sospendere il rilascio della concessione demaniale marittima all’interno del porto di Favignana.Questa la sua dichiarazione:

 “Ringrazio l’Assessore al Territorio ed Ambiente Mariarita Sgarlata – dice il sindaco Pagoto – per il riscontro immediato alle nostre richieste e per aver, dunque, ancora una volta, mostrato attenzione per il territorio. Avevamo rilevato che l’eventuale rilascio di atti concessori, all’inizio della stagione turistica e soprattutto senza tener conto dei prescritti pareri o in difformità alle ordinanze avrebbe configurato gravi violazioni procedurali e di legge,  a maggior ragione tenendo conto che le concessioni richieste insistono nell’Area marina protetta Isole Egadi, e siamo stati immediatamente ascoltati. L’Amministrazione comunale già nel novembre di due anni fa ha approvato in Consiglio comunale il Piano di utilizzo del demanio marittimo (strumento previsto per legge) che punta a pianificare la programmazione del territorio, salvaguardando le aree demaniali e mettendole al riparo dalle speculazioni, che è in attesa di approvazione da parte della Regione. Anche su questo sicuramente l’Assessore Sgarlata fornirà direttive agli uffici dell’Assessorato per avviare e definire finalmente l’iter. Prima dell’approvazione, nelle more, sarebbe opportuno sospendere il rilascio di tutte le concessioni. Non è comprensibile che prima ci vengono richiesti i pareri previsti per legge, che rilasciamo sia come Comune che come Area Marina Protetta, e che poi spesso di questi non si tenga conto e vengono concesse aree demaniali nonostante il nostro parere contrario. Chiediamo con forza che possa essere il Comune, anche tramite l’Area Marina Protetta, a gestire e programmare lo sviluppo del territorio, e lotteremo per evitare speculazioni nell’interesse degli operatori locali, dell’ambiente e della sostenibilità delle nostre coste, dei nostri mari e del nostro bellissimo arcipelago”.

SHARE