La corte dei conti approva le spese del gruppo articolo 4. L' on. ruggirello critico sull’assenza dei deputati trapanesi in aula

86

Esce indenne dal vaglio della Corte dei Conti il bilancio del gruppo parlamentare Articolo 4. È arrivata la deliberazione che dà l’ok al bilancio 2012 per le spese effettuate dal movimento guidato da Lino Leanza che insieme ad altri 4 gruppi parlamentari, esce escluso dalla richiesta di restituzione di oltre un milione e mezzo di euro per spese non previste o ingiustificate. “Siamo stati attenti a non cadere in errori, facili da verificarsi, a seguito della mancanza di un regolamento poco chiaro – dichiara l’onorevole Paolo Ruggirello – ma abbiamo ridotto le spese al minimo necessario rispettando una linea di risparmio complessiva, adottata nella mia attività di Questore, che ha comportato un grande impegno nella verifica e nel controllo dei costi del Palazzo. In merito al quale rinnovo la proposta di rivedere il tetto massimo per gli stipendi dei super dirigenti così come approvato alla Regione”.

Le dichiarazioni dell’Onorevole Paolo Ruggirello arrivano all’indomani di una nottata di lavori all’Ars che ha portato all’approvazione della manovrina, provvedimento che nell’immediato consentirà di salvare stipendi e sostenere gli enti locali. È critico il Deputato di Articolo 4 nei confronti di una parte della deputazione trapanese la cui assenza ieri sera in aula è stata la dimostrazione di un totale disinteresse per le emergenze e i problemi gravi che interessano i siciliani, pronti ad intervenire poi con argomentazioni di facciata. A votare la manovrina erano presenti, oltre a lui, l’onorevole Baldo Gucciardi e Antonella Milazzo.

SHARE