Traversata a nuoto da Levanzo a Favignana e gara di Triathlon off-road per la giornata nazionale dello sport

In occasione della Giornata Nazionale dello Sport, l’Area Marina Protetta “Isole Egadi”, il Comune di Favignana e l’Associazione sportiva e dilettantistica Extrema, in collaborazione con la UISP Regionale Sicilia, organizzano due eventi sportivi all’insegna della piena ecosostenibilità. L’obiettivo dell’evento è quello di realizzare un fine settimana di Turismo Sportivo ed ecosostenibile, volto a promuovere lo straordinario patrimonio ambientale, marino e naturalistico delle Isole Egadi, presso l’ampia platea degli atleti appassionati di sport estremi.

Nella mattinata di sabato 7 Giugno 2014 si svolgerà, come già lo scorso anno, la traversata a nuoto di gruppo da Levanzo a  Favignana, con la partecipazione di circa 50 atleti, alcuni dei quali tra i più competitivi a livello nazionale. Il percorso, di 4,5 km, ribattezzato “il miglio blu delle Egadi”, uno dei tratti di mare più suggestivi della Sicilia, sarà coperto dagli atleti con partenza dal Faraglione di Levanzo e arrivo alla Punta Faraglione di Favignana, sotto la scorta dei gommoni dell’area marina protetta. Tutti gli atleti saranno muniti di una boetta gonfiabile bianca, di sicurezza, con sopra il logo dell’AMP.

Nel pomeriggio, una quarantina di atleti e appassionati parteciperà ad una inedita gara di Triathlon Sprint off road, articolata in tre diverse frazioni  di nuoto, mountain bike e corsa. Gli atleti dovranno coprire a nuoto i 750 metri del seno di Marasolo, una cala a sud di Favignana, tra le più incantevoli per le sue acque turchesi. Quindi, con la mountain bike, percorrere due volte la ripida ascesa e discesa della montagna di Santa Caterina, per 18 km totali. Lo stesso percorso, con la scalata ai 330 m di quota del Monte Santa Caterina, si dovrà quindi percorrere di corsa, nell’ultima frazione di 5 km.

“Vogliamo trasformare le Egadi nell’arcipelago del turismo sportivo – commenta il Presidente dell’AMP e Sindaco di Favignana, Giuseppe Pagoto –. Si tratta di un turismo maturo, ecosostenibile e di qualità, che si sposa perfettamente con la ricetta che abbiamo scelto per il nostro territorio e il nostro mare protetto”.