ZONA FRANCA URBANA DI SAN GIULIANO: DA "LEGGENDA" A REALTÀ !!!

52

Racconta la leggenda che nel 1300, durante la denominazione Normanna – che con Ruggero II vide la costruzione del Castello, nell’attuale sito, sulle rovine del tempio di Venere -, Eryx, il nome greco-romano che assunse il monte dopo la caduta dell’impero romano, il prefato Conte Ruggero, alle prese con l’ennesimo attacco dei musulmani, in vista della decisiva battaglia per salvare la città, ebbe in sogno la visione di San Giuliano, che sul suo bianco cavallo, ammantato di rosso, sulla mano sinistra tenendo un falcone, metteva in fuga i predoni musulmani.

Un po’ leggenda un po’ storia vera, atteso che fino al 1934 l’attuale Erice portava il nome di Monte San Giuliano, proprio su volere del Ruggero in omaggio al Santo.

Un po’ “leggenda”, ieri per gli increduli e gli scettici, parlamentari nazionali e regionali compresi, ma oggi storia vera quella della Zona Franca Urbana di San Giuliano, che ci auguriamo contribuisca a “salvare” le speranze di ripresa socio – economiche per l’intero territorio comunale ed il comprensorio tutto.

Si! E’ con molta soddisfazione che apprendiamo della pubblicazione degli elenchi delle aziende in Sicilia beneficiarie degli sgravi fiscali che le zone franche urbane hanno concesso.

Per il Comune di Erice e la ZFU di San Giuliano più che eccellente il risultato: 121 le aziende beneficiarie, mediamentecirca 60 mila euro di sgravi fiscali-tributari per ognuna ma con punte anche sopra i 100 mila euro per quelle rientranti nelle zfu di scopo.

Raggiunto dunque un buon equilibrio che ci vede tra i primi comuni della Sicilia in termini di importo pro azienda assegnato.

Un buon risultato che dimostra come il lavoro da “turchi” svolto in questi anni ha portato i suoi risultati permettendo a 121 aziende, anche nuove, di poter contare per i prossimi anni di sgravi fiscali per 8 milioni di euro che oggi più che mai sono e possono essere un grosso incentivo per migliorare le aziende ma anche per pensare a nuove assunzioni.

Certo ci sono voluti quasi 6 anni…. ma la volontà di assicurare un’opportunità di sviluppo per questo territorio non ci ha fermato di fronte alle 1000 difficoltà create dai governi nazionali di Berlusconi – Tremonti succedutesi (lo “sblocco” dai governi Monti – Letta e poi Renzi/Del Rio) e che invece ci ha visti assieme ad Anci Nazionale particolarmente attivi sulla questione.

L’auspicio adesso é che questa boccata di ossigeno possa favorire la crescita delle aziende e del nostro territorio favorendo occupazione e sviluppo ma anche, che venga ripresa la questione delle Zone a burocrazia Zero che riteniamo oggi più che mai un dispositivo legislativo (ma anche finanziario, sono in ballo altri 4.000.000€ per la ZFU di Erice – San Giuliano) necessario ed urgente per il rilancio dell’economia.

In questi anni abbiamo scommesso sulle potenzialità di San Giuliano e della sua spiaggia, da tutti considerato come il ‘nero calimano’ ericino, con la visione di un progetto di sviluppo di quest’area su vari fronti: dal recupero dell’edilizia abitativa, con il Contratto di Quartiere di cui a giorni aspettiamo l’ok da parte della Regione per la riqualificazione di parte delle palazzine popolari di San Giuliano per 6.000.000€ di lavori, oltre che con il Piano per le Cittá in fase di progettazione definitiva per la riqualificazione di Trentapiedi – San Giuliano e lungomare Dante Alighieri per 7.000.000€, alla scuola con il recupero della Baden Powell di prossima apertura scolastica a settembre, ai servizi sociali con il recupero del Centro Sociale, alla sicurezza con l’attivatoimpianto di videosorveglianza (tutti interventi in San Giuliano e zone limitrofe), allo sport con i finanziamenti ricevuti per Io gioco Legale all’ex Campo Bianco e di prossimo appalto, e in ultimo alla pianificazione urbana con la variante alla Z.F.U.  e per la Cittadella dello Sport ex Campo bianco, che ormai speriamo in dirittura d’arrivo essendo in discussione al C.R.U., che proprio la settimana scorsa ci ha chiamati in audizione all’Ass.to reg.le Territorio ed Ambiente.

In allegato, tratto dal sito del Ministero, l’elenco completo delle ditte ericine in ZFU San Giuliano ed il prospetto riepilogativo con la media di assegnazione finanziaria siciliana per gli sgravi fiscali.

Una visione: EriceMonte San Giuliano, potrebbe forse diventare non solo il nome di un territorio d’Ambito ottimale, ma anche di una Zona di Area Vasta, che ha radici culturali e socio-economiche profonde e che  forse può scommettere in positivo e da protagonista anche nella partita di migliore utilizzo dei fondi europei 2014/2020 per lo sviluppo e la crescita socio-occupazionale?

Noi pensiamo che sia venuto, o forse sarebbe meglio dire “ritornato”…, il tempo.

SHARE