ODDO: “I FUNZIONARI REGIONALI SEGUIRANNO CORSI DI FORMAZIONE”

69
On. Nino Oddo
On. Nino Oddo

Il deputato questore all’Ars, on. Nino Oddo, ha partecipato a Terni all’assemblea plenaria dei Consigli Regionali Italiani in qualità di rappresentante della Regione Siciliana. Tra le tematiche al centro dell’assise tenutasi nella cittadina umbra, quella relativa alla programmazione dei fondi UE 2014-2020. E’ stata evidenziata la necessità di cogliere a pieno, rispetto a quanto fatto in passato, le opportunità che nuovamente offre l’Europa, attraverso una progettazione  in grado di soddisfare i criteri e gli obiettivi imposti da Bruxelles. A tale scopo è stato siglato un protocollo di intesa che prevede la formazione dei funzionari regionali. I burocrati seguiranno dei corsi che consentiranno loro di approfondire, individuare e pianificare interventi nei diversi settori strategici, così da concorre ad un concreto  sviluppo integrato e sostenibile dei singoli territori.

“Sebbene con colpevole ritardo, finalmente anche le Regioni si sintonizzano sulla stessa lunghezza d’onda di Paesi Europei come Spagna ed Irlanda, che negli anni hanno utilizzato a pieno questi fondi attraverso una progettazione mirata  ”- dichiara l’onorevole Nino Oddo.

Il deputato questore all’Ars  ha sottolineato come per la Sicilia sia di primaria importanza, in un momento storico di crisi economica e di tagli, e  vista l’esiguità di altri fonti di finanziamento, intercettare le risorse che l’Europa mette a disposizione per rilanciare l’economia, promuovere gli investimenti pubblici, la cooperazione e l’innovazione tecnologica.

“Investire sulla formazione dei funzionari regionali- conclude Oddo- è fondamentale e ormai imprescindibile per migliorare la capacità progettuale e avviare una decisa azione mirata ad un effettivo perfezionamento delle complessive capacità istituzionali, amministrative e gestionali, a livello centrale e locale”.

I corsi di formazione, che saranno tenuti da professori universitari ed esperti, dovrebbero essere avviati dopo l’estate.

SHARE