Comune di Trapani, arrivano le nuove regole per il suolo pubblico e la somministrazione non assistita

126

Arriverà giovedì prossimo all’esame del consiglio comunale la delibera di modifica del regolamento per la concessione del suolo pubblico e per la somministrazione non assistita. Si tratta delle indicazioni promosse dal consigliere Francesco Salone attraverso l’indirizzo amministrativo “Burocrazia Zero” e attraverso un diverso successivo indirizzo sulla somministrazione non assistita.

«La delibera verrà trattata con la massima urgenza, per questa ragione già giovedì prossimo sarà portata in aula come primo punto all’ordine del giorno. Una decisione – sostiene Salone – per la quale ringrazio tutti i colleghi della conferenza dei capigruppo che hanno avuto la sensibilità di accogliere le mie sollecitazioni nell’interesse degli operatori commerciali e degli esercenti. La stagione estiva è in corso, ma la semplificazione che sarà introdotta già all’indomani dell’approvazione della delibera darà a molti locali altre e nuove opportunità per arricchire l’offerta a turisti e residenti». 

La delibera contiene due modifiche fondamentali. La prima riguarda le procedure di rinnovo del suolo pubblico; dopo l’approvazione della delibera sarà possibile ottenere il rinnovo presentando una semplice comunicazione del titolare esercente interessato anziché riattivare tutta la procedura partendo dalla istanza per una nuova autorizzazione.

La seconda modifica riguarda la somministrazione non assistita per il consumo immediato, sia dentro che fuori dal locale che prevede la concessione di suolo pubblico anche ad esercizi di tipo artigianale, come gelaterie, panifici, pasticcerie, pizzerie a taglio e d’asporto, quindi anche se in locali non provvisti di servizi igienici per i clienti.

«Trovo motivo di soddisfazione personale non solo per il buon esito dell’atto deliberativo che già giovedì potrebbe essere approvato – conclude Salone – ma anche perché nella stessa delibera, nella parte narrativa ed introduttiva, viene riconosciuto che le modifiche accolte dagli uffici giungono da un indirizzo politico amministrativo da me presentato».

SHARE