Fazio commenta la finanziaria regionale

42

 I Consorzi Universitari (Trapani, Agrigento e Caltanissetta) non hanno subito alcuna decurtazione ai finanziamenti per la loro attività, anzi sono stati incrementati. Segno più anche
per le dotazioni destinate alle ex provincie regionali che passano dagli originari 7 milioni indicati nella prima stesura della manovra ter alla cifra finale di 9 milioni e 150 mila euro. È a sostegno diquesti due bacini di finanziamento che ha impegnato la sua battaglia d’aula il deputato regionale Girolamo Fazio.

«Per quanto riguarda i Consorzi Universitari – racconta il deputato Fazio – lo stanziamento originario di 3 milioni e 660mila euro è stato incrementato fino a 5 milioni e 100mila euro. In pratica il Governo ha fatto suo un emendamento che recava la mia firma e quelle di altri colleghi, ma solo dopo un dibattito serrato e diretto con lo stesso Presidente Crocetta, prima in sede di conferenza dei capigruppo e successivamente in aula». Fazio nel suo intervento d’aula ho ricordato al Presidente che sui Consorzi aveva preso una responsabilità precisa
attraverso un ordine del giorno che impegnava il Governo e personale.
«Devo ammettere, ad onor del vero – prosegue Fazio -, che il Presidente ha riconosciuto tale impegno e chiesto egli stesso la modifica del comma relativo al finanziamento dei Consorzi
Universitari». In tal modo vengono assicurate le risorse perché prosegua l’attività a sostegno della didattica e dei servizi per gli studenti nei consorzi universitari di Trapani, Agrigento e Caltanissetta.

L’incremento della dotazione per le ex province regionali fino a 9 milioni e 150 euro, con indicazione normativa di destinare prioritariamente le somme ad enti culturali, è stato votato
positivamente anche dal deputato Girolamo Fazio e sostenuto con un successivo ordine del giorno firmato dai deputati Gucciardi Turano e Ruggirello (assente invece Oddo) con una indicazione specifica che riguarda il Luglio Musicale e la Biblioteca Fardelliana che il Governo dovrà trasferire al commissario straordinario Antonio Ingroia. Il testo finale della norma è infatti frutto del dibattito nato anche dalla esigenza di tutela del Luglio Musicale Trapanese e della Biblioteca Fardelliana per i quali Fazio aveva predisposto un emendamento specifico poi ritirato. «Quando il comma è stato rimodulato ho pensato, sebbene non siano espressamente citati, al Luglio Musicale ed alla Biblioteca Fardelliana, almeno per la parte di finanziamenti trasferibili all’ex provincia regionale di Trapani. Risultato – rammenta Fazio – raggiunto dopo una lunga e faticosa mediazione nel corso della quale ho ritirato un mio emendamento. Tuttavia successivamente, insieme ai colleghi della deputazione trapanese abbiamo presentato un ordine del giorno con il quale diamo indirizzo al Governo perché delle somme destinate all’ex provincia regionale almeno 250mila euro vengano destinati alla Biblioteca Fardelliana e 150mila euro al Luglio Musicale. Tutto sommato un risultato che soddisfa almeno in parte vista la farraginosità e le difficoltà con cui si è giunti a questa finanziaria ter».

Sebbene siano stati conseguiti due risultati importanti per il territorio trapanese con interventi che dovrebbero mettere in sicurezza i conti di Consorzio Universitario, Luglio Musicale e Biblioteca Fardelliana, il giudizio di Fazio sulla finanziaria è complessivamente negativo: «Quello del Presidente Rosario Crocetta è il Governo della improvvisazione, dell’emergenza e dell’assistenza e ciascuna delle tre manovre di stabilità, dalla prima a quest’ultima, ne sono lo specchio fedele. Nella manovra non si legge alcuna organicità degli interventi di investimento a sostegno della economia siciliana – afferma Fazio – e assistiamo al consueto trasferimento di fondi per sostenere società regionali decotte, enti in liquidazione, aree di riserva e di tutela di interessi particolari. Il presidente Crocetta dimostra, per l’ennesima volta di essere attento solo all’effetto annuncio ed alla ribalta mediatica dei provvedimenti senza curarsi della reale efficacia degli stessi»

«Tra le note positive, il cui merito non è certo da ascrivere al Governo, ma agli emendamenti presentati dalla deputazione trapanese – ricorda Fazio – registro inoltre l’inserimento dell’Ente Luglio Musicale Trapanese nel “Fondo di rotazione per gli interventi straordinari” destinato a “far fronte allo stato di grave crisi del settore e di pervenire al risanamento delle gestioni ed al rilancio delle attività di enti, associazioni e fondazioni a partecipazione pubblica”. Il Luglio Musicale, quindi, potrà partecipare, se vorrà, alla ripartizione dei fondi destinati ai contributi in conto interessi per il risanamento dei bilanci ed al pagamento dei debiti».

«Di altrettanto rilievo – continua il deputato regionale – l’intervento sui diritti di estrazione mineraria e di lavorazione nelle cave che sono stati ridotti rispetto ad una originaria
proposizione del Governo che avrebbe rischiato di mettere in ginocchio un intero comparto, già posto dinanzi ad una crisi economica generale».

Si tratta, in questi ultimi due casi di emendamenti che erano già stati presentati, sia da Fazio che da altri deputati trapanesi, nellaprima manovra ma che, in seguito, non trovarono spazio nella finanziaria bis che si concentrò solo sugli interventi più urgenti.

SHARE