Erice – Caso pista ciclabile: “Chi sbaglia Paga”. Revocato all’arch. Denaro l’incarico di Rup e di Direttore dei lavori

89

ciclabile-di-EriceL’arch. Andrea Denaro, dipendente e dirigente del Settore Lavori Pubblici del Comune di Erice, RUP della ciclabile, lo scorso Giugno ha ritenuto, nell’ambito della sua autonomia gestionale, di revocare l’incarico di Direttore Lavori – così come finanche richiesto dall’impresa favarese, appaltatrice – all’arch. Romito, poiché a detta dello stesso RUP (che contestualmente avocava a se anche la Direzione dei Lavori), il Romito si era rivelato non attento nel rispetto di talune procedure amministrative.

Alla recente ripresa dei lavori, la vergognosa esecuzione della prima fase di pitturazione da parte dell’impresa su alcuni tratti di corsie (…i fatti della scorsa settimana), segnalata alle prime avvisaglie sia dagli Assessori e poi direttamente e reiteratamente dal Sindaco al RUP/DL arch.Denaro, senza però sortire intervento risolutorio da parte dello stesso Direttore Lavori, ha confermato le gravi anomalie che sono state, anche strumentalmente, gonfiate da alcuni media regionali e non solo, con grave danno d’immagine per la città di Erice e mortificazione per gli ericini tutti.
In tale contesto, anche sulla scorta degli approfondimenti disposti nell’immediatezza dal Sindaco, dall’esito della verifica di alcuni atti da parte di altri Funzionari del Comune e degli stessi Assessori delegati, e’ stata fatta luce sul contenuto di una perizia di variante recentemente approvata dallo stesso RUP e condivisa dall’impresa, ma con particolari rilevanti sconosciuti all’Amministrazione comunale, per cominciare dalla modifica di tracciati viari rispetto all’originario progetto voluto dall’Amministrazione Tranchida e non solo, oltre che manchevole dei pareri della Soprintendenza e del Comando PM. Tale ennesima situazione, scioglie il residuale dubbio fiduciario, portando stamani il V. Sindaco Toscano (il Sindaco e’ fuori sede anche se costantemente a conoscenza degli sviluppi e delle iniziative drastiche intraprese), a revocare all’arch Denaro sia l’incarico di RUP che di Direttore dei Lavori.
“Chi sbaglia paga! Sconti per nessuno – torna a ribadire il Sindaco Tranchida – I Responsabili degli uffici comunali, così come gli impiegati comunali, non sono una casta a se stante, anzi,rappresentano l’espressione operativa dell’attività di governo, pertanto, debbono dare il primo esempio alla comunità ericina che paga i loro stipendi. La stragrande maggioranza opera in questo modo ma chi tradisce tale mandato tradisce non solo le mie disposizioni ma anche la stragrande maggioranza degli ericini che eleggendomi hanno voluto attuassi il mio programma di governo”.

“Tutti possiamo essere utili, ma nessuno abbia a considerarsi indispensabile – conclude Tranchida -Erice non tornerà indietro a causa di qualche impresa che agisce in maniera maldestra e magari indisturbata dalla “disattenzione” del preposto impiegato che dovrebbe vigilare. Ringrazio invece ed ancora una volta l’Ass Mauro che mi accompagna quotidianamente non solo con il contributo d’idee ma anche per la competenza tecnica che portano la firma delle più grandi progettualità programmatiche realizzate ed in corso”.

SHARE