Pista ciclabile Erice: FIAB Trapani incontra il sindaco Tranchida

72

fiab tranchidaLunedì 6 ottobre, a seguito della richiesta avanzata formalmente da FIAB Trapani – Federazione Italiana Amici della Bicicletta, in merito alle note vicende sui lavori della pista ciclabile “Erice è mobilità  sostenibile”, si è tenuto un incontro tra una delegazione della Fiab di Trapani con il Sindaco di Erice Giacomo Tranchida e l’Assessore Gianni Mauro.
Durante l’incontro, l’Amministrazione Comunale di Erice ha dettagliatamente illustrato le tavole del progetto esecutivo, progetto validato dai Vigili Urbani e dal Ministero dell’Ambiente, facendo anche notare la difformità tra quanto previsto in progetto e quanto realizzato in questi ultimi giorni.

A conclusione dell’incontro, la FIAB Federazione Italiana Amici della Bicicletta, nell’ottica di una sua azione propositiva e costruttiva per una mobilità sostenibile nel territorio, ha anticipato alcune osservazioni al progetto che saranno a breve inviate formalmente all’Amministrazione Comunale, al fine di valutarle ed eventualmente tenerne conto in fase di redazione della nuova perizia di variante.
In merito al clamore mediatico suscitato dalla colorazione rossa della pista ciclabile, come dichiarato dall’Amministrazione Comunale, si tratta di materiale e tonalità non rispondente a quanto previsto in progetto. A tal proposito FIAB ha confermato l’utilità, della colorazione della pista per motivi di sicurezza, come previsto dalla normativa nonché prassi consolidata in tutta Europa.

Fiab Trapani, contestando un difetto iniziale di comunicazione, ha invitato l’Amministrazione Comunale di Erice, ad attivarsi fin da subito per avviare una campagna di informazione, i cui fondi sono già previsti in perizia, al fine di rendere partecipe la cittadinanza del progetto in corso di realizzazione.Inoltre FIAB Trapani ha chiesto, la nomina di un referente alla ciclabilità cittadina (Mister Bike) da individuare all’interno dei funzionari dell’Amministrazione, garanzie sul futuro piano di gestione del sistema di bike sharing nonché di avviare un tavolo tecnico di collaborazione con i sindaci dei comuni limitrofi per ampliare la rete di interscambio.

SHARE