“Raccolta della legalità”: Al via domani la raccolta delle olive nei terreni confiscati alla mafia

113

olio di casa nostraL’associazione Saman da anni è affidataria di alcuni terreni confiscati alla mafia. Uno di questi ricade nel comune di Erice (zona San Giovannello). L’anno scorso in questi siti l’associazione è riuscita a produrre “Olio di Casa Nostra” il primo olio a marchio Saman, che ha avuto un discreto successo di vendite anche fuori dalla Sicilia.  Quest’anno è nuovamente al lavoro per continuare il progetto iniziale. In questi giorni si sta procedendo con la raccolta delle olive grazie, anche, alla presenza di una squadra di ragazzi ospiti della comunità.

“Riteniamo che lavorare i terreni confiscati alla mafia sia una grande responsabilità, ma anche un grande onore che vogliamo condividere in particolare con le nuove generazioni.  Ecco perché abbiamo organizzato per domani giovedì 16 Ottobre c.a.  la “Raccolta della legalità”; una visita nei nostri terreni di alcune delegazioni di studenti provenienti dalle scuole ericine, grazie alla collaborazione dell’assessorato alla pubblica istruzione del comune di Erice. A seguire è prevista una piccola degustazione.  Il nostro consulente agricolo Bartolo Giglio si occuperà dell’aspetto “didattico” dell’incontro, spiegando ai ragazzi le varie fasi di lavorazione che portano alla realizzazione del prodotto finito. Gianni Di Malta, presidente di “Saman Sicilia” invece testimonierà il percorso di legalità e riscatto sociale che si sta portando avanti in questi terreni. In questo fondo, così come in quello ricadente sul comune di Trapani,  “Saman” sviluppa infatti un progetto sociale mirato, da una parte, alla rivalutazione del bene e dall’altra all’inserimento socio-lavorativo di soggetti svantaggiati”.

   “I ragazzi –afferma Gianni Di Malta- hanno bisogno di verificare che “cambiare” si può e si deve. Vorremo, in sintesi, portare la nostra piccola testimonianza fra i giovani in modo da far veicolare, anche attraverso simili giornate, i messaggi di legalità e riscatto sociale”.

SHARE