Erice, allarme randagi. I cittadini chiedono la sterilizzazione

114
giuseppe spagnolo
Giuseppe Spagnolo

Nella giornata di ieri si è svolto un incontro tra alcuni cittadini residenti nel quartiere Raganzili e il sindaco della città di Erice Giacomo Tranchida, per discutere sull’argomento randagismo.
Tra i presenti anche l’assessore Catalano ( con delega al randagismo ), il presidente e il responsabile della “lega italiana per la difesa del cane” sez. di trapani.
La riunione e’ stata convocata dal consigliere Spagnolo Giuseppe ( capogruppo del movimento Erice in tutti noi ) il quale ha raccolto il malcontento di cittadini che lamentano la presenza di numerosi randagi in condizioni di salute precarie per le vie del comune che spesso vengono accuditi dagli stessi cittadini che, a loro spese, cercano di far vivere gli amici a 4 zampe in condizioni migliori, molte volte sottraendoli a morte certa.
I cittadini hanno chiesto al sig. Sindaco di avviare una massiccia opera di sterilizzazione affinché il fenomeno del randagismo possa, con il tempo, scemare sempre più.
Il consigliere Spagnolo inoltre ha chiesto un controllo imponente per quanto riguarda i cani patronali, ( ancora non dotati di microchip) secondo lui causa principale del randagismo. Sono proprio i cani patronali non microchippati che spesso, abbandonati per strada, diventano i cosiddetti cani di quartiere.
Il Sindaco ha rassicurato i cittadini presenti che già nella giornata di oggi, questa A.C. Si adopererà per trovare un accordo con un veterinario per iniziare una massiccia opera di sterilizzazione e contemporaneamente adibire un’area dentro l’area della forestale in zona Martogna a rifugio per la degenza post sterilizzazione stimata in 5 gg per i cani di sesso maschile e 8gg per i cani di sesso femminile.

SHARE