La Mafia subisce un altro duro colpo: Sequestrati beni per 450 Milioni di euro all’imprenditore Di Giovanni

73

2584842-diaLa sezione misure di prevenzione del Tribunale di Trapani, accogliendo la richiesta della DIA, Direzione investigativa antimafia di Palermo e Trapani, ha sequestrato benei per oltre 450 Milioni di euro all’imprenditore di Monreale Calcedonio Di Giovanni, che ha diverse imprese in provincia di Trapani.

Secondo quanto sostenuto dalla DIA,  Di Giovanni sarebbe “ intrecciato con le famiglie mafiose di Mazara del Vallo”.

Tra i beni milionari ci sono anche un centinaio di case nel villaggio turistico di Campobello di Mazara Kartibubbo in cui, secondo gli investigatori il villaggio Kartibubbo viene rilevato dal Di Giovanni – si legge nel provvedimento del Tribunale presieduto da Piero Grillo –  con un notevole investimento posto in essere in un momento in cui Di Giovanni era del tutto sfornito di redditi leciti.

Nel provvedimento del tribunale viene delineato anche come un “imprenditore spregiudicato” entrato in rapporti anche con ambienti vicini alla mafia di Castelvetrano

Di Recente, secondo la Dia, Di Giovanni avrebbe tentato di sottrarre il proprio patrimonio, costituendo una società in Inghilterra, la quale si occupava di gestire villaggi turistici. Secondo l’accusa questa operazione è stata progettata per evitare il sequestro e mantenere il potere.

Il sequestro dei beni di Calcedonio Di Giovanni comprende decine di terreni e case in provincia di Trapani e Palermo e una serie di società, molte di queste società erano già in liquidazione: “Titano real estate limited, “Compagnia immobiliare del Titano”, Il Cormorano, Fimmco, “Campobello park corporation, “Immobiliare La Mantide”, “Associazione orchidea club, “Selinunte country beach, alcune quote del “Selene residence” di Campobello di Mazara, “Parco di Cusa vita e vacanze, Dental house, Numidia srl.

 

SHARE