Ambiente: al via la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

110

Al via la SERR’14  che quest’anno si terrà dal 22 al 30 novembre 2014.


La “Settimana” è un’iniziativa nata all’interno del Programma LIFE+ della Commissione Europea, con l’obiettivo primario di sensibilizzare le Istituzioni, gli stakeholder e tutti i consumatori circa le strategie e le politiche di prevenzione dei rifiuti messe in atto dall’Unione Europea, che gli Stati membri devono perseguire.
Anche quest’anno l’obiettivo sarà quello del massimo coinvolgimento di Pubbliche Amministrazioni, Associazioni e Organizzazioni no profit, Scuole e Università, Imprese, Associazioni di categoria e Cittadini che potranno proporre azioni volte alla riduzione dei rifiuti, a livello nazionale e locale.

Contro lo spreco alimentare le 3 R
Quando si parla di riduzione dei rifiuti le soluzioni si possono racchiudere nella formula delle 3 R: ridurre, riusare, riciclare. Sono tutte e tre valide anche per il cibo: ridurre, comprando il giusto e buttando via meno, riusare, inventando modi per cucinare gli avanzi in modo originale e creativo, riutilizzare smaltendo i rifiuti organici separatamente rispetto a quelli indifferenziati.

In particolare, il tema di questa edizione sarà la lotta allo spreco alimentare e come sempre, nel creare la propria azione ci si potrà sbizzarrire: dal cucinare con gli avanzi al laboratorio di compostaggio con gli scarti organici, dagli eco-acquisti al laboratorio di riuso e riciclo con i bambini e gli adulti.

I numeri, il rapporto Ispra
Nel 2013 la produzione nazionale dei rifiuti urbani ha toccato i 29,6 milioni di tonnellate, registrando una riduzione di quasi 400mila tonnellate rispetto all’anno precedente e proseguendo sulla stesso trend di contrazione che aveva già contraddistinto il 2012 e il 2011. Nello stesso periodo, la percentuale di raccolta differenziata si attestata al 42,3% circa, facendo rilevare una crescita di oltre 2 punti rispetto al 2012. L’analisi dei dati è dell’Istituto Superiore per la ricerca e la protezione ambientale (Ispra), attraverso la pubblicazione dell’annuale Rapporto rifiuti urbani. Il documento ricorda come nonostante la differenziata si cresciuta, non venga ancora conseguito l’obiettivo fissato dalla normativa per il 2008 (45%).In valore assoluto, la raccolta differenziata si attesta a 12,5 milioni di tonnellate, con una crescita, di poco inferiore, tra il 2012 e il 2013, a 530 mila tonnellate (+4,4%). Nel Nord Italia la raccolta si colloca a 7,4 milioni di tonnellate, nel Centro a 2,4 milioni di tonnellate e nel Sud a 2,7 milioni di tonnellate.

Per avere un’idea di cosa è già stato fatto negli anni passati, è possibile consultare la pagina www.menorifiuti.org, mentre informazioni più dettagliate su com’è strutturata la SERR sono disponibili sul sito www.ewwr.eu.
Quella del 2013, in particolare, è stata un’edizione da record: hanno partecipato 27 Paesi, per un totale di 12.682 azioni  a livello globale; l’Italia si è aggiudicata il primo posto per numero di iniziative: ben 5.399! Oltre al grande numero di azioni realizzate, il nostro Paese ha avuto l’onore di organizzare, nel maggio scorso, la cerimonia di premiazione delle migliori azioni a livello europeo, durante una due-giorni di congresso organizzata a Roma.

SHARE