Ieri al Liceo Scientifico Pietro Ruggeri il Premio Mondello

109

20141128_120811Epilogo felice per l’esperienza da giurati della XL edizione del Premio Letterario Internazionale Mondello, per i dieci alunni del Liceo Scientifico “Pietro Ruggieri” di Marsala, che ieri, a partire dalle ore 12, hanno ospitato nell’aula magna dell’Istituto il previsto incontro con Francesco Pecoraro, vincitore del Premio Opera Italiana con il libro “La vita in tempo di pace” (Ponte alle Grazie). L’autore è stato intervistato da Filippo La Porta, critico e saggista, componente del Comitato di Selezione del Premio, alla presenza della dottoressa Antonella Cavallo, del Salone Internazionale del Libro di Torino.

L’iniziativa di ieri, aperta dai saluti e dall’introduzione del Dirigente Scolastico, Fiorella Florio, è stata coordinata dalla professoressa Francesca Gerardi, che ha curato l’intero iter del progetto che ha permesso di inserire il Liceo – unica scuola in tutta la provincia di Trapani – tra le altre 12 di tutta la Sicilia (10 di Palermo, una di Noto ed una di Enna). Il Liceo Ruggieri è stato, infatti, uno dei 13 Istituti siciliani coinvolti dal prestigioso e ‘storico’ Premio Letterario Internazionale Mondello nella Giuria degli Studenti, composta complessivamente da 130 giovani siciliani, e preposta ad individuare il vincitore del Premio Mondello Giovani, uno dei riconoscimenti assegnati sotto l’egida del Mondello.

Il Premio in questione è stato assegnato giovedì pomeriggio a Palermo a Irene Chias, autrice di “Esercizi di sevizia e seduzione” edito da Mondadori, alla presenza, tra gli altri, degli stessi 10 alunni del Liceo Scientifico marsalese, intervenuti all’iniziativa su invito della Fondazione “Sicilia” e del suo presidente, professor Gianni Puglisi, che già il 4 novembre scorso aveva incontrato i ragazzi sempre a scuola, per parlare delle origini del Premio, delle evoluzioni del regolamento inerenti la scelta dei giurati, della suddivisione delle tre categorie che lo compongono e dei tanti progetti, in particolare relativi all’arte e alla cultura in genere, della Fondazione “Sicilia”.

Pieno di spunti di riflessione l’incontro della mattinata con Francesco Pecoraro, al quale sono intervenuti anche alcuni alunni degli altri istituti superiori e delle scuole medie cittadine accompagnati dai rispettivi insegnanti: un momento di confronto sul valore della lettura e sul concetto di partecipazione, apprezzato da tutti i ragazzi, sfociato in tematiche più ampie legate alla letteratura, all’istruzione scolastica in genere e al rapporto diretto tra lettori e autori.

SHARE