Il PD Erice replica a Tranchida: “Doveroso partecipare al congresso PSI”.

60

pdIl partito democratico di Erice in riferimento alla nota del sindaco di Erice Giacomo Tranchida ed alla posizione dei consiglieri del “Movimento Erice che vogliamo”, intende fare alcune precisazioni:

“Essendo il Pd un partito di centrosinistra che ha da tempo avviato un percorso federativo a tutti i livelli con il PSI, era doveroso partecipare al loro congresso e continuare un confronto già avviato alla luce del sole con l’uscente segreteria.

Durante il congresso, pur avendo ribadito il giudizio positivo sull’attuale amministrazione che ci vede in posizioni contrapposte, si è accolta la richiesta di avviare un dialogo con tutte le forze politiche affini che porti alla scelta del candidato sindaco per le amministrative del 2017 (ancora lontane) attraverso le primarie, se il Movimento Erice che vogliamo ritiene di non voler partecipare a questo percorso è una scelta legittima ma dal nostro punto di vista non condivisibile. 

Il partito democratico, attualmente primo partito ad Erice (alle amministrative e non ultimo alle europee) ,è bene ribadirlo, non ha mai fatto mancare il sostegno all’attuale amministrazione in consiglio ed in giunta con i suoi assessori e non intende farlo in futuro, rispettoso come è dell’impegno preso con i cittadini ericini e risultano ingiustificate ed inopportune le accuse mosse da alcuni consiglieri comunali del Movimento Erice che vogliamo dal momento che la maggioranza è fondata su un programma politico che il Pd intende rispettare e portare avanti fino in fondo; ciò non toglie che la politica è anche molto altro, che si svolge anche fuori dal consiglio comunale e che il Partito Democratico continuerà il confronto avviato con tutte le forze politiche con le quali si condividono valori ed obiettivi, nessuna esclusa, dialogo che si auspica porterà ad una coalizione per mantenere nel csx l’amministrazione della città di Erice. Il partito democratico intende peraltro ribadire la fiducia ed il proprio sostegno al segretario Gianrosario Simonte che ha portato al congresso del PSI la linea unitaria del partito democratico in coerenza con il patto federativo provinciale”.

SHARE