L’Accademia Origami e la Cooperativa sociale Badia Grande insieme per la musica e l’integrazione

156

origami badia grandeMusica e Integrazione. Un binomio possibile a Trapani grazie alla collaborazione tra la “Cooperativa Sociale Badia Grande” e l’Accademia Musicale “Origami Onlus” di Erice. Tredici  giovani, richiedenti asilo politico si preparano a vivere questa esperienza grazie all’iniziativa “Ascolta, la senti la mia musica?” Beneficiari saranno alcuni ragazzi del progetto “SPRAR” dei comuni di Trapani e Valderice, F.E.R. e del progetto “MSNARA-SPRAR della provincia.

Oggi, mercoledì 3 Dicembre  prima “lezione” per i ragazzi. La loro passione, la loro originale ed innata musicalità echeggierà  nelle sale prove dell’Accademia Musicale Origami Onlus, diretta da Katia Oddo e dal suo Staff di professionisti, che si trova all’interno dell’”ex gioielleria Virga” (bene confiscato alla mafia e gestito dal Gruppo Saman). Da anni ormai, la Origami Onlus  si impegna ad accrescere tra i giovani il loro patrimonio musicale, a divulgarne il suo valore anche da un punto di vista sociale, promuovendo con le proprie iniziative un circuito musicale fondato sull’eccellenza e la valorizzazione di piccoli e grandi talenti, anche su scenari artistici nazionali.

Il progetto – afferma Katia Oddo, Direttore artistico dell’Accademia – è stato strutturato didatticamente in fasi graduali, in cui gli allievi saranno guidati da docenti professionisti che li formeranno sulle discipline da loro scelte (canto, chitarra, percussioni), preparandoli a creare sinergie musicali nuove e  proprie di una band multietnica. 

Gianni Di Malta, Vice Presidente Nazionale Saman che ospita la Origami Onlus all’interno del bene confiscato di cui è affidataria dichiara: “Siamo orgogliosi di avere aperto le nostre porte a questa splendida iniziativa dall’importante risvolto sociale se consideriamo inoltre che si svolge in un bene confiscato alla mafia. L’obiettivo è quello di non additare più questi ragazzi per il loro colore e la loro provenienza, ma applaudirli su un palco per  il loro talento e la loro bravura”.

 “Il progetto – afferma la Dott.ssa Pamela Corso, Assistente sociale Responsabile del progetto MSNARA- SPRAR,  gestito dalla Cooperativa Sociale Badia Grande – offre la possibilità ai giovani stranieri di poter esprimere finalmente in libertà ed a voce alta, la loro musica, pensando ad un’integrazione oltre che di talenti, di ritmi e nuove forme espressive da conoscere e apprezzare. Riuscire a canalizzare i desideri dei nostri ragazzi è uno dei principi della nostra missione, perchè possano continuare un percorso di vita fatto di nuovi sogni e nuove speranze”.

“Un primo appuntamento, con esibizione delle performance dei giovani migranti allievi dell’Accademia Musicale Origami Onlus”  – conclude la Dott.ssa Pamela Corso, sarà in occasione dell’Evento dal titolo “Il Sistema dell’accoglienza in Sicilia. Buone prassi e prospettive oltre l’emergenza” che si terrà il 15 di Dicembre presso Palazzo Sales ad Erice”.

SHARE