Lettera aperta del sindaco Tranchida alla neo segretaria comunale del PSI Giusy Miceli

127

tranchida giacomoIl sindaco di Erice Giacomo Tranchida ha diffuso alla stampa una “lettera aperta” inviata alla neo Segretaria comunale del PSI Giusy Miceli.

“Riformulo e pubblicamente, Auguri al nuovo segretario ericino della (periferica ?) sezione socialista della Grande Città “Trapani-Erice” (?), da subito archiviando ad altre sedi le mie note valutazioni politiche sul mentore con il quale condivide la sua recente intervista in danno dell’operato della mia Amministrazione e nello specifico dell’Ass.to Cultura & Turismo. Tanto perché confido, od almeno spero, nella sua autonomia d’iniziativa e di analisi (!) anche in campo politico e nella professionale serietà del confronto di merito e non solo in materia turistica – atteso anzi che m’invita a nozze sulla nota e generale condivisa mancata strategia promo-turistica regionale per il rilancio sistemico dell’Aeroporto di Birgi (scaricando dalla Provincia commissariata da Crocetta sui Comuni il co-marketing da finanziarsi anche dal Comune di Erice e per 3 anni e per 120.000€ annue, invece da destinarsi più opportunamente alla promozione) in danno delle nostre imprese turistiche e di settore.

Anzi, auspicando ulteriormente un costruttivo confronto pubblico su altre “malefatte” politiche (anche quelle d’inerzia colposa) del latitante Governo regionale Crocetta in danno delle comunità trapanesi ed ericine in primo luogo. 
Sinteticamente e per cominciare, leggasi: mancati interventi per il rifacimento delle rete idrica (financo oggetto di specifica prova giudiziale acquisita dal Tribunale di Trapani in favore del Comune di Erice, a comprova dei danni provocati dal dissalatore regionale di Nubia); mancato finanziamento ad oggi del servizio di radioterapia (nonostante la datata cessione di area idonea da parte del nostro Comune) con vergognosa costrizione dei nostri ammalati al sacrificato viaggio palermitano per i trattamenti vitali; allarme rifiuti per inerzia regionale sul relativo piano, nonostante da anni prima l’Ato e poi la
SRR d’Ambito ha candidato le relative progettualità, e gli ericini dal 2009 praticano come per legge la Raccolta Differenziata; mancata spesa regionale dei fondi europei per co-finanziare le infrastrutturazioni delle Zone Franche Urbane (ivi compresa quella di San Giuliano / San Cusumano) nonostante la possibilità di procedere con l’individuazione di territori ottimali/area vasta e, pertanto, delegare ai Comuni le preziose risorse europee regolarmente perse dalla Regione; taglio dei trasferimenti regionali per le condizioni di povertà e necessita’ sociali di larghi strati delle nostre comunità, ericina compresa,
a fronte invece del mantenimento di privilegi e prebende per Parlamentari regionali che nulla hanno portato al territorio tranne che clientele e mance per fans, conoscenti e amici degli amici. Aggiungo, invece un grande merito a Crocetta: aver avuto il coraggio di denunciare il malaffare del mangia mangia di larga parte della formazione professionale, di fatto in mano ad ex e non Parlamentari nazionali e regionali, del PD per cominciare. Non sottaccio però il rischio di aver fatto di tutta l’erba un fascio, lasciando migliaia di famiglie piegati dai muti e senza pane, così come ad oggi lasciando a “bagno maria” non solo giovani professionisti inoccupati ma anche imprese disponibili per i tutoraggi.
Vuole aggiungere altri argomenti d’interesse amministrativo per la/e nostra/e comunita’, magari più specifici e di migliore e puntuale pregnanza locale? Nulla questio.
Scelga la location e la platea che può esserle più congeniale, ovviamente in sede pubblica, anche per evitare di essere falsamente tacciato da taluni di personalismi nell’amministrare una città plurale e d’interesse internazionale. Lei conosce il cell in mia dotazione, che comunque rinnovo”.

SHARE