L’AMP delle Egadi al fianco della Soprintendenza del Mare per la tutela dei Banchi sommersi dello Stretto di Sicilia

537

favignana_cala_rossaL’Area Marina Protetta “Isole Egadi” ha aderito e partecipato all’incontro di Studio organizzato dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana nella giornata di mercoledì 3 Dicembre, presso la sede di Palazzetto Mirto a Palermo, sul tema della tutela dei Banchi sommersi dello Stretto di Sicilia. L’incontro, coordinato dal Soprintendente Sebastiano Tusa, ha visto la partecipazione di Istituzioni, Enti pubblici e di Ricerca e Associazioni, che si sono confrontati in merito alla necessità di sottoporre urgentemente a forme di tutela i numerosi Banchi sommersi presenti nello Stretto di Sicilia. I partecipanti hanno sottolineato che i Banchi rappresentano il principale hot-spot della biodiversità mediterranea sull’intero Stretto, oltre che un settore del bacino ad elevata rilevanza sociale, economica e storica.

Sono intervenuti, nell’ordine, Giuseppe Giaccone, già ordinario di Botanica presso l’Università di Catania, Antonio Mazzola, Direttore del Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare dell’Università di Palermo, Franco Andaloro, Capo del Dipartimento per l’uso sostenibile delle risorse presso l’ISPRA, Fabio Badalamenti, Ricercatore del CNR, Michele Buffa, Dirigente del Servizio Pianificazione paesaggistica dell’Assessorato Beni culturali e Identità siciliana, Aurelio Angelini, Direttore della Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia, Stefano Donati, Direttore dell’Area Marina Protetta “Isole Egadi”, Silvano Riggio, già Ordinario di Ecologia presso l’Università di Palermo. Al termine dell’incontro tutti gli enti partecipanti hanno sottoscritto un documento comune di intenti per avviare la procedura per la creazione di un’area di speciale tutela per i Banchi sommersi dello Stretto di Sicilia.

SHARE