Trapani batte Napoli grazie al nuovo “Legion..ario” granata

52

legionL’undicesimo turno del campionato di LegaDue Gold ci rivela che la pallacanestro Trapani c’è, è viva e lotterà fino alla fine per agguantare un posto in griglia play-off. Vittoria fondamentale in termini di classifica che permette agli uomini di coach Lino Lardo di risollevarsi dai bassifondi e di scacciare, forse definitivamente, tutti i venti di polemica che hanno soffiato da inizio stagione ad oggi all’interno della società cara al presidente Basciano.

Certo, magari una vittoria, seppur ottenuta contro un avversario importante (Napoli), non sarà sufficiente a dimenticare un inizio di stagione a dir poco difficoltoso in termini di gioco, ma  è manifesto che la vittoria è arrivata giocando bene su entrambi i lati del campo.

Da questa vittoria possono trarsi degli spunti interessanti. Primo tra tutti il fatto che la squadra ha profuso energia sul parquet per 40′ senza mai risparmiarsi e lottando su ogni pallone. Capitan Ferrero e compagni sono poi riusciti anche nell’arduo compito di permettere al nuovo arrivato Alex Legion di non sentirsi gravare sulle spalle il peso dell’esordio. E il nuovo USA granata ha risposto subito come nemmeno il più ottimista dei tifosi si sarebbe potuto immaginare: sono stati ben 28 i punti realizzati dal colored di Trapani in appena 25 minuti. Numero “28” che evidentemente porta bene all’ex Veroli: 28 infatti, ironia della sorte, erano stati anche i punti che Legion aveva realizzato contro Trapani qualche settimana fa e che avevano condotto i suoi giovani compagni alla conquista di una insperata quanto meritata vittoria. Legion ha davvero impressionato dando sfoggio di un repertorio davvero vastissimo (tiro piazzato da 3, arresto e tiro, penetrazioni, schiacciate ecc…) che di sicuro fa ben sperare i tifosi granata e che certamente permetterà all’attacco di coach Lardo di essere più pericoloso e meno prevedibile.

Altro punto fondamentale di riflessione è relativo ai 16 punti con 4/4 da 3 di Guido Meini. C’è poco da dire: se il play ex Pistoia gira (vedasi anche le partite contro Mantova e Torino) la pallacanestro Trapani è competitiva, in caso contrario soffre maledettamente. Vogliamo segnalare poi anche la prova di un Baldassarre che non avrà magari giocato la sua migliore partita stagionale ma che negli ultimi 90”, quando la palla comincia a pesare ed a scottare, ha messo a segno con freddezza glaciale un 5/6 ai liberi che ha rispedito al mittente ogni velleità di rimonta di Brkic e compagni.

Seconda vittoria consecutiva dunque per coach Lardo ottenuta anche grazie all’apporto di un pubblico meraviglioso, la cui correttezza e calorosità sono state riconosciute anche dall’allenatore di Napoli, quel coach Calvani che conosce bene la piazza trapanese ed a cui riserva sempre i suoi attestati di stima. Due punti importanti che piazzano la pallacanestro Trapani a ridosso di quell’ottavo posto che vale i playoff, oggi lontano solo 2 punti.

Domenica prossima Renzi e compagni saranno ospiti di una Angelico Biella che di certo si vorrà riscattare dalla brutta sconfitta rimediata nel derby piemontese contro Casale. Sabato però, nella stanza dei bottoni di Roma, si svolgerà un’altra partita importante: quella per la poltrona di presidente di Lega. Il presidente Basciano si “gioca” la carica con il  presidente  di Legnano Tajana referente della cordata che fa capo alla presidentessa uscente Bragaglio salita sul banco degli imputati dopo aver voluto ed avallato il ripescaggio di quella Forlì che, oggi, versa in una situazione a dir poco difficile tra crisi societaria e squadra in sciopero (vedasi la sconfitta di 30 punti rimediata in casa contro Brescia nell’ultima giornata). Giochi politici che, alla fine, hanno comunque poco a che vedere col campo. La LNP ci sembra ormai caduta all’interno di una spirale di regressione da cui è difficile tirarsi fuori e l’ennesimo cambio di poltrona ne è la lampante dimostrazione. La politica sulla pallacanestro italiana continua sempre a dimostrarsi inadeguata a tutelare un movimento che invece negli ultimi anni ha dimostrato di valere molto soprattutto a livello di nazionali junior. Se solo si ricominciasse a pensare di nuovo al parquet…

SHARE