Droni: innovazioni nelle spedizioni e nelle riprese aeree

163

In questo articolo vi presenteremo tutte le novità sull’arrivo dei droni nel campo delle riprese aeree e spedizioni, con una descrizione approfondita delle applicazioni più rivoluzionarie alle quali stiamo per assistere. Il tutto, grazie alla diffusione sempre più ampia di queste apparecchiature tecnologiche.

I droni potrebbero essere la soluzione per il futuro delle spedizioni e ad accorgersene sono già state le aziende più note nel campo, come Amazon e DHL. Gli acquisti sul web stanno infatti prendendo sempre più piede durante quest’ultimo decennio, caratterizzato dalla diffusione globale della rete internet e dei prezzi sempre più economici. Fino a qualche anno fa il dominio spettava in modo indiscusso ad eBay, ma con la nascita del già citato Amazon (che occupa attualmente la principale fetta di mercato) la concorrenza è aumentata a dismisura.

Image and video hosting by TinyPic

Così, gli investimenti nel campo delle spedizioni proseguono senza conoscere minimamente periodi di crisi e l’ultima novità per portare un notevole risparmio in termini di tempo (con relativo aumento della qualità dei servizi) è il debutto dei droni.

La funzione dei droni nelle spedizioni

Per spedizioni di oggetti di qualsiasi tipo, più o meno delicati o ingombranti (purché il peso sia inferiore ai 2 chili), potrebbero prendere il largo droni ad otto eliche. Grazie ad una specifica programmazione, ricevendo le coordinate di destinazione dagli addetti del centro di smistamento, i velivoli potranno recarsi presso luoghi distanti fino ad un massimo di 15 chilometri dal punto di partenza. Queste le novità che promette di portare già dal 2015 l’innovativo servizio Amazon Prime Air, per consentire agli utenti di ricevere l’oggetto acquistato via internet entro pochi minuti (massimo un’ora) dal clic di conferma della transazione.

Le potenzialità dei droni sono state subito adocchiate da casa Amazon, che si aspetta una diffusione di Prime Air a livello globale già entro il 2018, dopo alcuni anni di sperimentazione nei paesi maggiormente sviluppati. Il prezzo di produzione di questi strumenti sta man mano diminuendo esponenzialmente con il trascorrere del tempo, visto l’aumento della concorrenza nel settore e il continuo sviluppo delle tecnologie, perciò non sembra affatto remota l’ipotesi di vedere i droni impiegati in tali campi, per soddisfare parte dei circa 300 ordini al secondo che riceve attualmente Amazon in tutto il mondo.

Così come Amazon, anche il noto corriere DHL sta sviluppando la nuova frontiera dei droni per le spedizioni veloci. In realtà, al contrario del colosso delle vendite online, la casa tedesca ha già sperimentato sul campo questa nuova forma di transazioni. A partire da settembre 2014, l’isola di Juist (in Germania) riceve continuamente beni primari a mezzo di droni, spediti a 12 chilometri di distanza dal porto di Norddeich.

Questa iniziativa, approvata dal ministero dei Trasporti tedesco, autorizza il viaggio dei droni (che possono trasportare singolarmente un carico massimo pari a 3 chilogrammi) a meno di 50 metri di altezza per non influenzare le tratte aeree. La velocità media dei droni è di 65 chilometri orari, per ricoprire così la distanza di competenza in poco più di dieci minuti.

Riprese aeree per professione

I droni stanno anche rivoluzionando il mondo dei servizi e con il loro impiego le figure professionali ricercate sono in continuo aumento. Infatti è nata una vera e propria professione ed il pilota di un drone è definito dronista. Ad incrementare questo fenomeno sono anche i prezzi dei droni che si stanno abbassando e permettono a tutti di affacciarsi al mondo di questi APR. A partire dalle fasce più economiche, dedicate ai neofiti, ci sono i droni professionali, dedicati agli esperti del settore, ed il loro prezzo può andare dai 500 ai 50 mila euro, insomma fasce per tutti i livelli di esperienza e tanto divertimento.

SHARE