V° Ateneo Universitario a Trapani: La IV commissione consiliare incontra il Prof. Torre

164

V_20Ateneo_20del_20MediterraneoUn ambizioso progetto, quello del Prof. Francesco Torre, di iniziare un percorso per realizzare un V Ateneo universitario a Trapani. Da qualche tempo se ne parla, ma nulla si è mai mosso sino ad ora. L’idea è quella di istituire una vera e propria Università del Mediterraneo statale a Trapani. Lo scorso Martedì il Prof. Torre ha incontrato la IV Commissione Consiliare composta dai consiglieri D’angelo, Ravazza, Abbruscato, Ferrante e La Porta.

“L’esperienza non manca – afferma il presidente della IV Comm. Consiliare Felice D’Angelo, – visti gli innumerevoli corsi universitari che si sono effettuati e che si effettuano con il Consorzio Universitario. Sarebbe una grande svolta per la Città di Trapani, continua D’Angelo,  per l’occupazione e per l’economia trapanese.”

“Oggi l’Università si presenta come una delle industrie non inquinante più importanti al mondo”. Ad affermarlo è il Prof. Torre. Per questo motivo abbiamo rilanciato l’idea con un movimento per la creazione del V^ Ateneo a Trapani. Intorno ad un ateneo girano 5-10 miliardi di Euro. Migliaia di giovani che trovano lavoro. Senza contare le ingenti somme che le nostre famiglie risparmierebbero  non mandando i loro figli a studiare fuori. Studenti che appena laureati non tornano più. Ma l’Università serve anche per lo sviluppo culturale di un territorio. Se non facciamo in questa provincia innovazione tecnologica, siamo costretti a diventare l’ultima Provincia del mondo. Bisogna aprire laboratori di ricerca, fare innovazione su tutto, medicina, ingegneria, abbiamo la nanotecnologia a Milo, sui beni culturali, sull’enogastronomia, sul turismo, sulla pesca, sui beni ambientali e naturalistici, sull’agricoltura. Le scoperte non possono venire sempre da altri paesi, noi dobbiamo farci parte attiva con i nostri giovani, con le nostre intelligenze che regaliamo volentieri, una volta laureati, a paesi stranieri. Siamo pronti entro un anno a presentarci al Ministero con le carte in regola per chiedere ufficialmente il riconoscimento del V Ateneo a Trapani. Abbiamo bisogno di tutti, soprattutto dei nostri giovani e dei politici, quelli veri, che amano il nostro meraviglioso territorio. Un invito a chi è ancora vivo a rialzare la testa.  Bisogna ripartire, trovare nuovi sogni, nuove identità, nuove idee, nuove speranze, nuovi progetti, una nuova vita.”

SHARE
  • raddena5

    “Senza contare le ingenti somme che le nostre famiglie risparmierebbero”? Ed i soldi per mettere su l’Ateneo non li considerano? Salvo che non abbiano già finanziatori privati, ed allora va bene.

  • Fabio11

    Ok, l’ateneo, grande progetto. Ma, prof. Torre, non sarebbe stato meglio prima completare la nave romana?