Trapani batte Jesi. Renzi e Legion fanno la differenza

98

baldaVittoria preziosa e convincente della Pallacanestro Trapani, nella sfida natalizia che prende vita al PalAuriga per la tredicesima giornata di A2 Gold, contro l’Aurora Basket Jesi. Partita immediatamente interrotta, dopo il primo canestro realizzato (nello specifico da Miller), per la pioggia di orsetti del “Teddy Bear Toss”, che piomba sul parquet trapanese. Questi pupazzi verranno portati come regalo di natale ai bambini ricoverati all’ospedale S. Antonio Abate proprio dai ragazzi della prima squadra granata. Si torna giocare e nei primi minuti è lotta accesa, con la contesa che rimane in equilibrio e l’agonismo che si percepisce nitidamente (5-5 al 4’). Legion e Renzi confezionano il primo tentativo di allungo interno con 4 punti consecutivi, ma Elliott risponde prontamente dall’altra parte (9-7 al 6’). Le percentuali di entrambe le squadre non sono ottimali, così che si arriva a fine periodo in sostanziale parità, con Elliott che appare l’unico giocatore a suo agio in attacco (già 7 punti per lui, esattamente la metà dell’intero fatturato di Jesi nel primo periodo). Inizia la seconda frazione e si mettono al lavoro Bray e Ferrero, finché è una bomba di Bossi che consente effettivamente il primo allungo granata (22-16 al 14’). Lo scontro sotto i tabelloni tra Renzi e Maggioli è, probabilmente, quanto di meglio si possa trovare in questo campionato: un botta e risposta di altissimo profilo tra due pivot fantastici. Entrambi i coach ordinano la zona ai propri quintetti, giustificati dall’imprecisione generale che continua a dilagare (finalmente rompe il digiuno di canestri una tripla di Bray, per il 25-18 del 16’). Conti segna dalla lunga distanza, mentre la difesa di Trapani continua a alternare le soluzioni proposte e a dare molto fastidio a Jesi (28-20 al 18’). Ci pensa Miller a sbloccare i suoi, con la tripla che accorcia le distanze fino al -6, prima che Legion bruci la sirena per il 36-28 di metà gara. Sempre di grande attualità lo scontro tra Maggioli e Renzi, anche alla ripresa del gioco, con il lungo granata che mette le marce alte e porta a casa due piccole vittorie consecutive, in questa bellissima sfida nella sfida (40-30 al 22’). Proprio Renzi respinge l’assalto di Jesi con una tripla: tutti suoi i primi 7 punti trapanesi del terzo quarto. Quando anche Legion entra in partita lo fa per davvero, con 9 punti consecutivi che confezionano un break interno che diventa molto consistente (56-35 al 27’). Mason Rocca prova a metterci una pezza, ma l’attacco di Trapani ormai ha trovato un ritmo straordinario. Si va all’ultimo intervallo sul 64-43. Si apre il periodo conclusivo e la musica non cambia: Ferrero (prova tutta sostanza per lui) segna un canestro molto difficile e dall’altra parte Richard Mason Rocca fa capire al pubblico di casa che Jesi non mollerà senza lottare. Una fiammata di Miller rinforza questo concetto e Lardo richiama in campo Andrea Renzi (66-51 al 34’). Detto, fatto. Semigancio spaziale del pivot granata e miniemorragia arrestata. Jesi ci prova e reagisce dal punto di vista nervoso, ma Trapani rimane lucida e il divario risulta solo leggermente limato (70-55 al 36’).Quando Guido Meini respinge con una tripla l’ultimo tentativo di rimonta dei marchigiani, la partita volge al termine sotto gli applausi scroscianti del PalAuriga. Si chiude così, senza ulteriori patemi, una partita natalizia dalla quale Trapani esce vincitrice due volte: una volta sul campo e una volta nella prestazione, davvero di qualità. Prossimo banco di prova, domenica prossima, sarà la trasferta di Casalpusterlengo. 

SHARE