Il sen. D’Ali’ contro la finanziaria nazionale: “La più antimeridionalista degli ultimi 20 anni”

77

antonio d'aliA margine dell’approvazione della finanziaria nazionale – durante il tradizionale incontro con la stampa di fine anno – il Senatore Antonio d’Alì ha espresso il suo pensiero in merito.

Questa finanziaria nazionale licenziata l’altro ieri dal Parlamento è senza ombra di dubbio la più antimeridionalista degli ultimi venti anni. A tutto il sud Italia – prosegue il parlamentare trapanese – vengono sottratti  quattro miliardi di euro, di cui uno e mezzo alla Sicilia . Altri provvedimenti  della finanziaria penalizzano pesantemente la nostra agricoltura, che al contrario dovrebbe essere valorizzata.  Mi fa specie che questo sia passato nell’assoluto silenzio della rappresentanza parlamentare del meridione e siciliana in particolare . E come  se tutto questo non bastasse, adesso assistiamo anche al tentativo di occupazione leghista del mezzogiorno d’Italia con l’iniziativa di Salvini. A questo punto tra Renzi e Salvini non ci resta che la via dell’indipendenza naturalmente senza Crocetta. La Lega abbandonata l’idea della secessione che coltivava quando le regioni del nord erano straricche e considerava il sud una palla al piede, adesso che ha perduto i mercati europei , pensa che sia il meridione stremato dalla crisi a sopperire ai loro commerci, occupandolo perché bene o male costituisce un mercato per i loro prodotti non più competitivi in Europa. Noi invece dobbiamo valorizzare la nostra insularità e la nostra centralità mediterranea, e a chi ci vuole  asserviti, come propagine ultima d’Italia e d’Europa  rispondiamo : meglio da soli difesi dal nostro mare e possibilmente senza trivelle frutto del mercato Crocetta-Renzi”.  

SHARE