Domani l’inaugurazione dell’Erice Bike Park Resort

450
Sabato 3 gennaio 2015 è una data importante per la mountainbike trapanese con l’inaugurazione di “Erice Bike Park Resort” ovvero il primo parco ciclistico della provincia.
Il bike park conta attualmente due percorsi ciclabili (uno in fase di completamento) che si sviluppano per circa 4 km ciascuno, dalla vetta del monte Erice, in prossimità della stazione della funivia, fino all’area boschiva di Martogna. I due tracciati presentano diversi livelli di difficoltà con ripidi pendii, salti e drop naturali e rampe di legno e, per poterli percorrere in tutta sicurezza in discesa, è necessario l’uso di idonee biciclette da freeride e downhill oltre che di un corredo di protezioni personali. Se da un lato il bike park offre grandi dosi di adrenalina agli sportivi praticanti e spettacolari evoluzioni agli spettatori, senza dubbio il punto di forza di questo bike park risiede nella presenza dell’impianto di risalita della Funierice che consente ai praticanti di poter raggiungere agevolmente la vetta e percorrere più volte i tracciati in discesa. Questa caratteristica appunto, fa di “Erice Bike Park Resort” il fiore all’occhiello della mountaibike siciliana dal momento che, a differenza dei bike park italiani e del sud Italia, i tracciati sono fruibili tutto l’anno in ragione del clima mite e delle condizioni del fondo dei tracciati. Il riferimento per la fruizione del bike park è l’Associazione Extreme Sport Tour Sicily (www.extremetour.it e www.ericebikepark.net), che ha lanciato nel corso del 2014 diverse iniziative per la promozione dello sport e del territorio e che è stata incoraggiata dall’amministrazione comunale con l’incarico di gestione e direzione sportiva del bike park.
Di recente e grazie all’ausilio dell’Azienda Foreste Demaniali, completati anche alcuni percorsi di trekking, che verranno inaugurati per la prossima primavera. La               necessità ormai impellente, d’individuare altresi un valido soggetto gestore per la realizzazione, in co-finanziamento pubblico privato (disponibili da parte del Comune   100.000€) un parco avventura fra le pinete adiacenti il borgo medievale.
Questi i primi concreti e certi importanti passi per sostenere la candidatura di un nuovo modo di vivere, tutelare e valorizzare Monte Erice anche sotto il profilo promo-           turistico.
“Il progetto, ancora più ambizioso, è quello di candidare il Monte Erice a vero e proprio Parco Sportivo/Naturalistico – dichiara il Sindaco Tranchida – consentendo una molteplicità ulteriore di discipline sportive e per il tempo libero (mountain bike, downhill, scalate rocciose, parapendio, passeggiate a cavallo, sentieristica e trekking, ma anche un parco avventura, ecc), utili non solo al contesto sportivo e sociale provinciale ma, sopratutto, alla valorizzazione turistico-sportiva del Monte. Su questo – conclude Tranchida – avremo modo a breve di confrontarci con l’Assessore regionale al Turismo Cleo Li Calzi”.
SHARE