Paceco, avviati 4 cantieri di servizio: lavoro per 43 disoccupati

111

Quattro cantieri di servizio sono stati avviati nel territorio di Paceco, con l’impiego complessivo di 43 disoccupati, a conclusione di una procedura attivata dall’Amministrazione comunale per favorire il livello occupazionale locale.[su_spacer]

I gruppi di lavoro, comprendenti le categorie “18-36 anni”, “37-50 anni”, “ultracinquantenni” e “portatori di handicap”, hanno iniziato ad operare nei programmi di intervento “Decoro urbano ed edifici comunali”, “Servizi di pulizia aree urbane”, “Verde pubblico” e “Servizi di guardiania in edifici e strutture comunali”.[su_spacer]

“Avevamo programmato di dare lavoro a 90 concittadini – ricorda il sindaco di Paceco, Biagio Martorana – ma la Regione ha ridotto i fondi, stanziandoli in proporzione alla popolazione e senza tenere conto dei progetti approvati”. Il finanziamento dei quattro cantieri per un totale di 111.992,40 euro, da parte del Dipartimento regionale alla Famiglia, ha consentito l’occupazione di 43 pacecoti, individuati in base alle graduatorie stilate per ciascuna categoria (affisse lo scorso 22 dicembre all’Albo Comunale e nella bacheca dell’Ufficio Servizi Sociali).[su_spacer]

L’avvio dei cantieri di servizio era previsto già l’anno scorso: il 26 maggio erano state approvate le graduatorie definitive e il 10 giugno la Giunta municipale aveva già ratificato i 4 progetti esecutivi con i nominativi dei 43 possibili beneficiari. Tuttavia, le procedure di controllo attivate dall’Ufficio Servizi Sociali sulle autocertificazioni presentate dagli utenti ammessi (in merito allo stato di disoccupazione, al nucleo familiare, ai redditi percepiti ed ai beni immobili posseduti), hanno fatto scoprire 23 dichiarazioni non corrispondenti alla documentazione acquisita; lo scorso 16 dicembre, di conseguenza, gli stessi 23 sono stati esclusi e al loro posto sono stati ammessi i nomi seguenti nelle rispettive graduatorie, per la predisposizione degli elenchi definitivi.[su_spacer]

Questi ed altri dati sono contenuti nella risposta che l’Amministrazione comunale ha fornito di recente ad una interrogazione presentata dal consigliere comunale Francesco Trapani, riguardante il mancato avvio di “cantieri sociali” a Paceco.[su_spacer]

“Con l’avvio dei cantieri di servizio – sottolinea il sindaco, in conclusione – possiamo dare ossigeno a 43 famiglie che vivono in condizioni di disagio, attraverso un’entrata mensile che, seppure non superiore a 500 euro, potrà contribuire al sostentamento dei nuclei familiari in questo periodo di crisi”.

SHARE