Marsala consiglio comunale: lavori rinviati a questo pomeriggio

141

Accertata la presenza del numero legale (22 i presenti), il presidente Vincenzo Sturiano ha aperto ieri i lavori del Consiglio Comunale di Marsala, seconda delle tre sedute programmate. Tutti presenti i dirigenti comunali (la loro assenza era stata rimarcata nella scorsa seduta), il primo consigliere ad intervenire è stata Rosanna Genna che – nel sottolineare disservizi e mancanza di personale sanitario alPaolo Borsellino – ha proposto la convocazione di un Consiglio Comunale “aperto” sull’Ospedale marsalese. Nel ritenere grave la situazione rappresentata dalla Genna, il presidente Sturiano ha invitato la stessa a convocare la Commissione Sanità per la trattazione della tematica, nonché a stilare un documento quale atto propedeutico al condiviso Consiglio “aperto”.[su_spacer]

La parola è quindi passata ad Eleonora Milazzo che, soffermandosi su importanti decisioni regionali in materia di assunzioni di personale medico, ha poi comunicato all’Assemblea il successo dell’iniziativa per la “Giornata della Memoria”, promossa dalla VII Commissione (presieduta dalla stessa Milazzo) e che ha coinvolto numerosissimi studenti. Sul punto ha anche letto un documento commemorativo delle vittime dell’Olocausto, invitando altresì il Consiglio ad osservare un minuto di raccoglimento. Al termine di questo atto significativo, gli altri interventi. Salvatore Di Girolamo ha richiamato l’attenzione sul Monumento ai Mille (lavori urgenti per evitare ulteriore decadimento); costante presenza di zingari accampati al parcheggio del “Salato”; segnaletica orizzontale insoddisfacente; gestione Villa Genna. Al riguardo, il dirigente Francesco Patti – sollecitato dallo stesso Di Girolamo – ha illustrato la situazione, con due contenziosi aperti (con la precedente gestione e l’attuale), riferendo altresì che il parco è fruibile, ma che i punti previsti nel bando di assegnazione non sono del tutto rispettati dal gestore (possibile ulteriore diffida ad adempiere persistendo tale stato). Sul punto, il consigliere Giuseppe Carnese ha proposto di dare alla ditta che opera a Villa Genna un termine entro il quale adempiere, invitando altresì gli Uffici a fare un sopralluogo per verificarne la piena fruibilità.[su_spacer]

Poi ha chiesto di chi sia la responsabilità della situazione diimpasse dei box – non ancora utilizzati – di Piazza Stadio, quelli dove dovrebbero trasferirsi i commercianti che tuttora operano nella stessa area. A seguire, il consigliere Giuseppe Fazzino ha lamentato l’allagamento per pioggia che si verifica ad Amabilina (tratto antistante gli Uffici comunali), con numerose buche nell’asfalto che vengono riparate male per scarsa vigilanza sui lavori eseguiti. La parola è quindi passata al consigliere Arturo Galfano che ha portato a conoscenza dell’Aula il degrado di alcune aree limitrofe allo Stadio; in particolare, quella alla spalle delle “baracche” situate sullo spartitraffico e l’altra a ridosso del mercato ortofrutticolo all’ingrosso. Lo stesso Galfano, poi, ha stigmatizzato lo “spreco di denaro pubblico” per la realizzazione del parcheggio di Salinella (limitrofo al Giardino d’Infanzia), i cui lavori – tuttora in corso – hanno comportato l’abbattimento di otto alberi, l’utilizzo di un aggregante per la pavimentazione che rende illeggibile la segnaletica disegnata e, infine, l’installazione di un impianto di illuminazione sovradimensionato. Galfano ha concluso il suo intervento ribadendo l’inutilità del suddetto parcheggio, tenuto conto che a pochissimi metri di distanza ci sono aree idonee alla sosta. Il presidente Sturiano, sul punto, ha sottolineato che quel parcheggio è stato voluto e votato dal precedente Consiglio; si è stupito, comunque, della scelta del tipo di pavimentazione, richiedendo al riguardo l’intervento del dirigente Gian Franco D’Orazio.[su_spacer]

Questi, ha prima illustrato le motivazioni alla base della realizzazione del parcheggio finanziato dalla Regione: su tutti la sicurezza dei bambini dell’asilo, per i quali è stata pure realizzata un’uscita laterale che immette sull’area di sosta. Quindi ha riferito che l’aggregante soddisfa la prescrizione della Soprintendenza che ha espressamente vietato l’uso dell’asfalto (siamo a meno di 150 metri dal mare). In ogni caso, ha continuato il dirigente, “il materiale utilizzato è integro e duro”; mentre l’illuminazione è a led (con bassissimo consumo energetico). L’ultimo intervento è stato quello del consigliere Enzo Russo. Si è soffermato sul mancato introito nelle casse comunali di 700 mila euro, relativi alla Legge “Bucalossi” e sui decreti regionali che hanno finanziato impianti fotovoltaici e minieolici. Infine, ha invitato gli Uffici a predisporre entro il prossimo 10 febbraio il Piano triennale delle Opere pubbliche, consentendo così di potere discutere di bilancio, ed eventualmente approvarlo, entro il successivo mese di marzo. Conclusi gli interventi, il presidente Sturiano ha proposto una sospensione della seduta al fine di stilare un ordine dei lavori. Al rientro in Aula (erano le ore 20), la mancanza del numero legale – 13 i presenti – ha comportato l’aggiornamento della seduta a questo pomeriggio (ore 17).

SHARE