Decesso piccolo Daniel, l’Associazione Co.Di.Ci: “Si faccia subito chiarezza!”

137

“La morte del piccolo Daniel di due anni, avvenuta lo scorso venerdì notte presso il S’Antonio Abate di Trapani potrebbe essere figlia di un’errata valutazione dei sintomi di una patologia in corso, quale la “meningite fulminante” e questo sarà l’autopsia e l’Autorità Giudiziaria a stabilirlo. A noi interessa invece sapere se siano state rispettate tutte le procedure che gli operatori dell’Ospedale dovevano porre in essere e non vi sia stata “leggerezza, superficialità o negligenza” nel valutare i sintomi del bambino” – commentano Manfredi Zammataro Resp.le regionale di CODICI Sicilia e l’Avv. Vincenzo Maltese Responsabile Codici Trapani.

Ci domandiamo infatti: se i dottori si fossero accorti che si trattava di meningite avrebbero dovuto seguire un altro protocollo?  Più volte – proseguono Zammataro e Maltese – abbiamo denunciato attraverso i nostri dossier e le nostre denunce come la sanità in Sicilia abbia perso di vista la centralità del paziente. Tutto questo è inaccettabile se si pensa che a farne le spese sono sempre i cittadini. Per questo abbiamo predisposto un esposto denuncia indirizzato alla Procura della Repubblica di Trapani ed in caso di processo, l’Associazione si costituirà parte civile al fianco dei familiari per chiedere giustizia”.

SHARE