Cala il sipario sulla prima edizione di Anter Green Awards

168

Grande successo di pubblico e di emozioni al primo Anter Green Awards svoltosi a Rimini il 1 Marzo scorso, organizzato da ANTER – Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili (200.000 associati in tutto il territorio nazionale) voluto dall’associazione per premiare i protagonisti dell’energia pulita.
 
palco

 

Oltre 1.000 persone hanno affollato la sala Anfiteatro del Palacongressi: tra questi, ospiti illustri, luminari del mondo della scienza e della ricerca quali il Conte Vanni Leopardi, che ha premiato la Scuola Dante Alighieri di Cancello ed Arnone (CE) per la categoria “Poesia più emozionante” ed il Prof. Filippo Giorgi, unico scienziato italiano dell’organo esecutivo del Comitato Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici, organizzazione vincitrice del Premio Nobel per la pace 2007, che ha premiato la scuola Giuseppe Mazzini di Cislago (VA) per la categoria “Miglior Disegno”. Il primo premio per la categoria “Evento Mediatico più comunicativo” è stato consegnato dall’Assessore del comune di Rimini Sara Visintin all’Istituto Omnicomprensivo Dante Alighieri di Nocera Umbra.
 
La città di Trapani si è resa protagonista dell’evento in quanto è riuscita a piazzarsi nelle nomination “Scuola Green” con ben tre scuole: IV Circolo Didattico Guglielmo Marconi, Istituto Comprensivo Bassi-Catalano e il III Circolo Didattico Umberto di Savoia, le quali sono state premiate con una targa di riconoscimento a simboleggiare la sensibilità di esse verso le tematiche che affliggono il nostro Pianeta, il tutto in un palcoscenico con oltre 1000 persone.gds (3)
 
Tutto questo è stato possibile grazie all’interessamento dell’Assessore all’Ambiente di Trapani Ing. Giuseppe Licata e grazie alla continua e produttiva passione degli Ambasciatori Anter presenti nel territorio trapanese: Valeria Perrone, Leonardo Giacalone, Vito Sciacca e Giovanni Riccobono.
 
Alle tre scuole vincitrici è stato consegnato il premio “We care clean energy”, opera realizzata da Giuseppe Guanci, architetto ed artista, che vive e lavora a Prato.
L’opera rappresenta l’uomo, evocato dalle due mani raccolte a coppa, che accolgono una sfera dorata, che simboleggia l’energia e per estensione il sole, che ce la fornisce.
La particolare tecnica con cui è realizzata – denominata dallo stesso Guanci “Tessoforme” – impiega sottilissimi fili di rame e di ottone che danno luogo a forme completamente vuote.
 
Premio scuole

SHARE