Erice: al via processo per rifiuto d’ufficio all’ex comandante Polizia Municipale, i magistrati ascolteranno Rizzi

137

Il Capo della Segreteria Nazionale del Partito Animalista Europeo, Enrico Rizzi, il prossimo 23 marzo sarà ascoltato dai magistrati che stanno giudicando Giacomo Ippolito, ex comandante della Polizia Municipale di Erice, per il reato di “rifiuto d’ufficio”. Rizzi racconterà esattamente cosa accadde quella mattina all’interno del comando dei vigili urbani. Ippolito si sarebbe rifiutato di eseguire un atto del proprio ufficio, che avrebbe invece dovuto essere compiuto senza ritardo e cioè la redazione di verbale o di attestazione di presentazione di querela, già predisposta, che il capo della segreteria del Partito Animalista Europeo, Enrico Rizzi, avrebbe voluto presentare agli uffici del Corpo.[su_spacer]

Il Capo Segreteria del PAE nell’ottobre del 2013 fece condannare dal Tribunale di Trapani un Commissario del Corpo Forestale della Regione Siciliana per lo stesso identico reato. L’uomo infatti, si rifiutò di ricevere una denuncia per maltrattamento di animali. Questo comportamento gli costò una condanna a quattro mesi di reclusione e circa 10 mila euro di spese.
Nella Sentenza di condanna, il Tribunale di Trapani, volle riconoscere anche l’impegno del giovane rappresentante animalista: “E’ noto l’attivismo dell’animalista Enrico Rizzi, aduso a denunce nel campo della tutela degli animali e sempre impegnato a seguirle sino in fondo per evitare che potessero venire trascurate o magari non tenute nel debito conto”.

SHARE