Gal Elimos, si è concluso positivamente l’Educational Tour

143

Sono stati tre giorni pieni di impegni quelli che hanno visto i tour operator girare in lungo ed in largo i quattordici Comuni (Castellammare del Golfo, Custonaci, Buseto Palizzolo, Valderice, Erice, San Vito Lo Capo, Calatafimi-Segesta, Partanna, Salaparuta, Salemi, Santa Ninfa, Gibellina, Vita e Poggioreale) del territorio del Gal Elimos.[su_spacer]

Le immediate impressioni che sono emerse sono state quelle di un’enorme potenziale non ancora del tutto sfruttato ai fini turistici.I territori del Gal Elimos a loro dire potrebbero inserirsi perfettamente nelle nuove proposte di offerta turistica in Italia, che superi le tradizionali mete. Bellezze paesaggistiche, architettoniche e, ovviamente, le prelibatezze eno-gastronomiche l’hanno fatta facilmente da padrone. Il Gal Elimos, oltre ad essere stato presente in numerose fiere sia in Italia che all’estero, ha voluto pertanto saggiamente creare le condizioni per una conoscenza diretta attraverso queste tre giornate. La presenza anche della stampa specializzata consentirà altresì di avere un’ulteriore visibilità nelle testate che si occupano esclusivamente della filiera agro-alimentare.[su_spacer]

“Il momento clou – fanno sapere i referenti del Gal Elimos- è stato certamente l’incontro b2b, che è stato realizzato presso la struttura Arcudaci (Bruca) dove numerosi operatori turistici del territorio hanno avuto effettivamente la possibilità di farsi conoscere e di scambiare i contatti con i tour operator, sia nazionali che esteri, presenti all’importante workshop. Le premesse affinché questa esperienza porti dei frutti nei prossimi mesi ci sono tutte. L’entusiasmo, con cui i tour operator hanno apprezzato le nostre risorse, sarà certamente una garanzia per iniziare a puntare sempre più concretamente sulla risorsa del turismo”.

SHARE