Trapani, il segretario Cgil Cutrona denuncia “Cantiere navale oggetto di atti vandalici e operai ancora senza lavoro”

154

Danni all’infrastruttura e agli impianti del Cantiere navale di Trapani e tempi troppo lunghi per la ripresa dell’attività dei 42 lavoratori. A intervenire sui gravi problemi causati dal ritardo da parte del Ministero delle Infrastrutture nell’affidamento della concessione demaniale a una delle aziende che hanno partecipato al bando è il segretario generale della Cgil e della Fiom Filippo Cutrona. [su_spacer]

“L’affido dell’area – dice il segretario Cutrona – non è più rinviabile. La struttura industriale è stata oggetto di atti vandalici e di razzie di ogni genere anche con seri danni all’impianto elettrico. A fronte dello stato di abbandono del Cantiere c’è la grave situazione degli operai che per la maggior parte sono rimasti senza reddito perché hanno esaurito il periodo di mobilità”. Per il segretario della Fiom Cgil è “indispensabile che, una volta affidato, il Cantiere non venga snaturato nelle sue funzioni attraverso un utilizzo orientato nella direzione delle barche da diporto”. [su_spacer]

“ll Cantiere navale – dice Cutrona – deve continuare a rappresentare un’occasione di sviluppo economico e occupazionale attraverso la gestione del bacino galleggiante e dell’officina meccanica per la riparazione e la costruzione dei mezzi navali”. Intanto la Regione ha consegnato alla “Metalmeccanica Agrigentina srl” i lavori per la ristrutturazione del bacino di carenaggio galleggiante, la cui gara di appalto è stata aggiudicata dall’impresa per un importo di 4.755.943,46 di euro.[su_spacer]

“L’inizio dei lavori atteso da mesi – conclude Cutrona – è imminente ma mancano ancora alcune autorizzazioni. Invitiamo pertanto gli organi competenti ad accelerare i tempi garantendo l’inizio dell’attività e la ripresa del lavoro per le qualificate maestranze che via via saranno temporaneamente assunte”. La “Metalmeccanica Agrigentina srl”, riconoscendo la professionalità acquisita dai lavoratori ha, infatti, accolto la richiesta dalla Fiom Cgil impegnandosi ad assumere gli operai per tutta la durata dei lavori che si protrarranno per un anno e che si svolgeranno interamente all’interno del Cantiere, determinando un’importante ricaduta in termini occupazionali e per l’indotto.

SHARE