Il vescovo Fragnelli invita la Diocesi a vivere 24ORE CON IL SIGNORE e una “catena spirituale” permanente

157

“Dinanzi alle ingiustizie ci scopriamo impotenti a contrastare il male e siamo tentati di rimanere indifferenti. Vogliamo rispondere con la testimonianza della vita, i gesti della carità e la forza della preghiera. Affidiamo nella preghiera e nella “catena spirituale” i bisogni del nostro popolo e della nostra realtà ecclesiale e sociale”. Il vescovo Pietro Maria Fragnelli ha invitato tutta la comunità diocesana a raccogliere in modo forte l’appello di Papa Francesco a vivere anche quest’anno l’esperienza di 24ORE CON IL SIGNORE: un‘intera giornata in cui la Chiesa apre le porte delle chiese e propone a tutti un tempo e uno spazio di raccoglimento interiore in cui “raccogliere” appunto le esigenze più profonde del cuore invitando a vivere l’esperienza della riconciliazione attraverso il “sacramento della riconciliazione” e la disponibilità all’ascolto dei sacerdoti.[su_spacer]

Per il vescovo non si tratta di un’iniziativa secondaria o destinata soltanto ai più vicini. “Solo chi vive il primato della Parola in adorazione del Mistero mantiene la bussola della sua missione e sa rifiutare la tentazione della visione efficientista o solo burocratica del proprio servizio – ha detto,  infatti –  Dinanzi ai tanti problemi, alle ingiustizie e alle sofferenze che attraversano il mondo di oggi e che ci raggiungono mediaticamente, noi tutti, come comunità e come singoli, ci scopriamo impotenti a contrastare il male; rischiamo di lasciarci assorbire dalla spirale della violenza e, di fronte all’altrui dolore, siamo tentati di rimanere indifferenti. Alla globalizzazione dell’indifferenza, che contagia anche noi, vogliamo rispondere facendo nostra la proposta di Papa Francesco: alla testimonianza della vita e ai gesti di carità concreta, uniremo la nostra preghiera nell’iniziativa intitolata 24 ORE PER IL SIGNORE, da vivere nelle nostre parrocchie dal 13 al 14 marzo. In seguito, per prolungare nel tempo l’iniziativa del Papa, invito le diverse interparrocchialità ad un percorso di preghiera continuata: una sorta di CATENA SPIRITUALE tra le parrocchie per metterci in stato di conversione e rinsaldare i vincoli di comunione con Dio e fra di noi. Affideremo alla misericordia del Signore la pace del mondo e i bisogni della Chiesa universale, a partire dalla nostra realtà ecclesiale e sociale, particolarmente provata in questi ultimi anni; consegneremo alla provvidenza del Padre tutte le necessità del nostro popolo, dei giovani e dei bambini, degli ammalati e degli anziani, dei tanti immigrati sbarcati sulle nostre coste con il loro bagaglio di dolore e di speranza”.[su_spacer]

24ore per il Signore si aprirà venerdì prossimo 13 Marzo alle ore 21:00 presso il Santuario di Maria SS. della Misericordia a Valderice. Seguono Adorazione Eucaristica e Confessioni. Sabato 14 alle ore 18.00 il vescovo presiederà l’Eucarestia a Calatafimi Segesta nella chiesa di San Michele. Seguono Adorazione Eucaristica e Confessioni dalle 19:00 alle 21:00 nel Santuario cittadino di Maria SS. di Giubino. Infine la liturgia di chiusura di 24ore per il Signore sarà a Trapani, nel centro storico, presso la Chiesa del Collegio con inizio alle ore 21.00. Seguirà una serata di preghiera ed evangelizzazione fino a notte inoltrata animata dai giovani del progetto “Giona”.[su_spacer]

Celebrazioni e iniziative di preghiera si terranno, nell’arco delle 24 ore, in tutti i paesi della Diocesi. In particolare:

Venerdì 13 Marzo alle ore 18:00 nella Parrocchia Sant’Antonio di Padova a Castellammare del Golfo si celebra la Messa. Seguono Adorazione Eucaristica e Confessioni fino alle 24:00. Si riprende Sabato 14 Marzo dalle 09:00 alle 12:00.

Ad Alcamo Sabato 14 Marzo alle ore 21:00 nella Parrocchia S. Oliva si svolge la liturgia penitenziale. Seguono Adorazione Eucaristica e Confessioni fino alle 24:00.

SHARE