Aeroporto Birgi, il Senatore Santangelo chiede convocazione di un tavolo tecnico

116

Il senatore del Movimento Cinque Stelle Vincenzo Maurizio Santangelo ha chiesto la convocazione di un tavolo tecnico per decidere la destinazione dei fondi derivanti dallo stanziamento per il ristoro dei danni conseguenti al conflitto libico del 2011. In questi giorni il parlamentare ha avuto numerosi colloqui con i Sindaci del territorio trapanese, con il Presidente dell’Aigest e con il Presidente della Camera di Commercio di Trapani, e ha riscontrato un’ampia adesione alle proposte che ha indicato per l’utilizzo dei fondi derivanti dallo stanziamento per il ristoro dei danni conseguenti al conflitto libico del 2011.[su_spacer]

“Invito il Commissario del Libero Consorzio dei Comuni dell’ex provincia di Trapani, avvocato Tozzo, così come previsto dal decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a dare seguito a quanto ho già avviato e a convocare nel più breve tempo possibile un tavolo tecnico che consenta a tutti i soggetti economici ed istituzionali del territorio di poter individuare un percorso comune che si concretizzi in ulteriori proposte” – dichiara Santangelo. “Sono sicuro – continua- che il Commissario Tozzo raccoglierà in brevissimo tempo questo invito, che deriva anche dalla diffusione di notizie circa la privatizzazione dell’aeroporto Vincenzo Florio o di un suo probabile accorpamento con l’aeroporto di Palermo. Non vorrei che la diffusione di queste notizie serva per distogliere l’attenzione circa la destinazione di questi fondi oppure, e la cosa sarebbe ancora più grave, per creare allarmismi volti a giustificare l’intero stanziamento dei fondi ad Airgest. Gli argomenti sul tavolo sono tutti importanti, scottanti e richiedono un’attenzione immediata e non è possibile procrastinare oltre. Per questi motivi ove l’Avvocato Tozzo non dovesse convocare il tavolo tecnico, entro un breve arco temporale, mi farò promotore io stesso della creazione dello stesso. Credo che il tempo delle attese interminabili per poi accettare scelte calate dall’alto, senza che vi sia alcuna discussione preliminare tra le parti in causa, sia terminato”.

SHARE