Castellammare, dopo 50 anni la Solennità di san Giuseppe torna ad essere celebrata il 19 marzo

158

Dopo più di 50 anni,  la Solennità di San Giuseppe a Castellammare del Golfo torna ad essere celebrata il 19 marzo, giorno liturgicamente e tradizionalmente dedicato alla figura del Santo. La Festa, originalmente celebrata in questa data fin dalla fondazione della Parrocchia di San Giuseppe nel 1935, era stata spostata alla fine degli anni ’50 dello scorso secolo al primo maggio, dall’allora Parroco don Mariano Basiricò.[su_spacer]

Quest’anno, dopo un sereno discernimento fatto dal parroco nel corso del tempo con la comunità parrocchiale, si è deciso di riportare alla sua collocazione originaria la Festa del titolare della Parrocchia, inserendola chiaramente all’interno del cammino quaresimale, sottolineando soprattutto la sobrietà e l’aspetto provvidenziale-caritativo che sono virtù specifiche della devozione a San Giuseppe, custode della Sacra Famiglia e Santo della Provvidenza. A tal proposito si è vissuta la Novena e il Triduo con lo sguardo rivolto essenzialmente alla preghiera e alla carità nelle poche ma significative inziative organizzate. Domani quindi, 19 Marzo,  alle 18.30 – dopo la S. Messa presieduta dal Vescovo Pietro Maria Fragnelli –  si svolgerà la processione della statua del Santo per le vie cittadine, che per l’occasione sono state abbellite di ricche luminarie, unica ‘deroga’ al clima sobrio e dimesso dela festa, ma arricchite anche da altari votivi con i pani e i simboli di san Giuseppe allestiti nelle case private che sono stati visitati e benedetti precedentemente dai sacerdoti della Parrocchia. Il giorno 1° Maggio, che fino allo scorso anno era dedicato alla festa parrocchiale – avrà luogo, invece, la solenne liturgia della Dedicazione della Chiesa di San Giuseppe, mai precedentemente effettuata, legando così per il futuro le due date sotto il patrocinio di san Giuseppe.

SHARE