San Vito Lo Capo, confermate le nuove norme per il suolo pubblico ma slitta l’entrata in vigore

95

Il Consiglio Comunale di San Vito lo Capo ha bocciato a maggioranza la richiesta di annullamento in autotutela del nuovo regolamento per l’occupazione degli spazi pubblici, che di fatto imporrà nuove norme per i gazebo di bar e ristoranti. La proposta di revoca del regolamento era stata avanzata dal gruppo consiliare di opposizione, che ha votato per l’annullamento della delibera 56 del dicembre 2014; contro la proposta hanno votato i Consiglieri di maggioranza, con una astensione per asserita incompatibilità. Sul nuovo regolamento grava una richiesta di sospensiva presentata al TAR da un’associazione di commercianti.[su_spacer]

Le nuove norme dovrebbero entrare in vigore il prossimo primo aprile, ma il Sindaco Matteo Rizzo ha anticipato la disponibilità dell’Amministrazione a farne slittare l’entrata in vigore in attesa della decisione del tribunale amministrativo, rinviata al prossimo 23 aprile: “Riuniremo il Consiglio Comunale per spostare ai primi di maggio l’eventuale entrata in vigore del nuovo regolamento – dice il Sindaco – Fino a quella data verranno confermate le autorizzazioni oggi valide, non voglio certo penalizzare le attività commerciali nelle more del pronunciamento del Tar”.

Il Sindaco in aula ha contestato l’operato dei Consiglieri di opposizione: “Al momento di votare il nuovo regolamento erano usciti dall’aula per presunte incompatibilità, e invece ora hanno presentato una proposta di annullamento e hanno partecipato ai lavori consiliari, dov’era dunque la incompatibilità? E’ evidente che il loro era solo un tentativo di far saltare il Consiglio per mancanza del numero legale”.[su_spacer]

L’Amministrazione Comunale rimane convinta della giustezza delle scelte fatte in materia di arredo urbano: “A prescindere dalla sentenza del Tar, la Soprintendenza ai beni Ambientali aveva dato il benestare al nuovo regolamento, giudicando inidonei i gazebo nella loro attuale struttura – dice il Sindaco Rizzo – Noi desideriamo solo rendere ancora più bello ed elegante il paese, e siamo sicuri che il nuovo regolamento va in questa direzione”.

SHARE