San Vito Lo Capo, al via progetto per ottenere il riconoscimento di “Riserva della Biosfera Unesco”

133

Una “cabina di regia” che prepari una serie di incontri con le popolazioni interessate, per individuare insieme i progetti e le iniziative da portare avanti per ottenere il prestigioso riconoscimento di Riserva della Biosfera Unesco, e nel contempo avvii l’iter amministrativo per progettare un futuro che conservi la memoria e le tradizioni in un contesto culturale – turistico che promuova l’ambiente preservandolo da contaminazioni e degrado.[su_spacer]

E’ questo il risultato del primo incontro operativo per la presentazione della candidatura del territorio che ha come epicentro San Vito lo Capo al prestigioso riconoscimento internazionale: all’incontro di concertazione, tenutosi nell’aula consiliare del Comune di San Vito lo Capo e convocato dal sindaco Matteo Rizzo, hanno partecipato i sindaci di Custonaci Bica e di Buseto Palizzolo Gervasi, gli assessori Buffa di San Vito e Magaddino di Valderice, la direttrice della Riserva dello Zingaro Restuccia gli architetti Lombardo e Magaddino dell’Associazione “Acqueruci”; il Comune di Erice ha assicurato l’adesione al progetto. La qualifica di “Riserva della Biosfera” è un riconoscimento che l’Unesco assegna ai territori che ne abbiano fatto richiesta e che dimostrino di avere i requisiti per ottenerlo, ed è finalizzato a migliorare il rapporto tra uomo ed ambiente e a ridurre la perdita della biodiversità.[su_spacer]

Il sindaco Rizzo ha molta fiducia nel progetto: “Coinvolgeremo le parti sociali, insieme stabiliremo cosa valorizzare e come farlo, con la collaborazione di tutti il territorio crescerà e noi abitanti con esso”. A chi paventa possibili limitazioni alle attività esistenti il sindaco risponde che “nessun nuovo divieto verrà imposto se l’Unesco ci assegnerà il riconoscimento di Riserva della Biosfera, piuttosto valorizzeremo l’esistente contribuendo a pubblicizzarne la valenza storica, economica, sociale”.[su_spacer]

“Mi preme ribadire che il riconoscimento non comporta nuovi divieti o limitazioni – spiega l’assessore Peppe Buffa – ma solo un’azione coordinata per promuovere le eccellenze ambientali, antropologiche, culturali del territorio, per un futuro che affondi le radici nella memoria ma che affronti con consapevolezza e lungimiranza l’avvenire dell’ambiente e dell’uomo che lo abita”. Scopo primario del progetto sarà quello di valorizzare il rapporto tra uomo e ambiente, operando nel massimo rispetto di quest’ultimo: “Sono certo che ancora una volta San Vito lo Capo, promotore della candidatura, dimostrerà che difesa del territorio e sviluppo economico sono un binomio sostenibile” assicurano il sindaco Rizzo e l’assessore Buffa.

SHARE