Allarme furti ad Erice, il consigliere Simonte si appella al Prefetto di Trapani e al Questore

570

Il Consigliere del Pd Erice Gianrosario Simonte dopo l’ennesimo furto ai danni di un abitante di Erice capoluogo, ritiene doveroso fare appello alle istituzioni, in particolare al Prefetto di Trapani ed al Questore.[su_spacer]

“Da luglio ad oggi nel capoluogo ericino si sono verificati circa cinquanta furti nelle abitazioni, circostanza di straordinaria gravità anche in considerazione dell’esiguo numero di abitanti, l’ultimo nella notte di giovedì quando due ladri si sono introdotti in un’abitazione dove hanno picchiato e rapinato il proprietario. E’ indubbio che per il modus operandi e per il numero di furti vi sia una particolare attenzione della micro criminalità ai danni della comunità ericina, che soprattutto d’inverno vive particolarmente isolata. Considerato che il Presidio dei Carabinieri è attivo solo fino alle 19.30 e che dopo tale orario i cittadini ericini devono chiamare il 112 che interviene da Trapani e che i furti si sono verificati soprattutto nelle ore serali e notturne, è necessario rafforzare il controllo del territorio anche in vista della stagione estiva, durante la quale i commercianti a fine serata potrebbero essere facile preda di malintenzionati. Si chiede, quindi, che le istituzioni che hanno il compito di garantire la sicurezza sul territorio prendano in seria considerazione la questione sicurezza del capoluogo e pongano in essere tutte le azioni volte a rafforzare il controllo del territorio stesso al fine di permettere alla comunità ericina di uscire da questo incubo in cui versa ormai da diversi mesi”.

SHARE