“Non ti scordar di me”, stamani la rappresentazione teatrale per ricordare le vittime delle mafia

98

Grande commozione stamattina al Teatro Ariston di Trapani per la rappresentazione teatrale “LA CANTATA PER LA FESTA DEI BAMBINI MORTI DI MAFIA”, tratta da un racconto di Luciano Violante per ricordare le tantissime vittime delle mafie, che con la regia di Massimo Pastore e le coreografie di Patrizia Lo Sciuto, è stata messa in scena da una rappresentanza di tutte le scuole del Comune di Erice, nell’ambito della manifestazione “Non ti scordar di me”.[su_spacer]

Un pizzico di emozione ma anche tanta gioia da parte del numeroso pubblico che ha gremito il Teatro Ariston di Trapani per assistere alle performance degli alunni ericini che nonostante la diversa provenienza sono riusciti a mettere in scena in poche settimane una rappresentazione davvero significativa.[su_spacer]

Il punto di vista de “La Cantata per la festa dei bambini morti di mafia”, è quello delle vittime di mafia che osservano le vicende terrene avvelenate dal crimine, dalla complicità, dall’omertà e dall’inerzia morale, da un loro “aldilà”. Tra questa folla di uccisi, i bambini vittime della mafia, vittime inconsapevoli di un sistema che scardina la base del pacifico vivere comune, disseminandolo di sangue innocente e paura.[su_spacer]

Le iniziative proseguiranno stasera alle 21.00 al seminario Vescovile di Trapani, con Diario Civile, la proiezione del nuovo video sui 30 anni della strage di Pizzolungo prodotto da RAI STORIA.[su_spacer]

Intenso il programma anche per domani 2 aprile, la giornata della memoria nel trentennale della strage: dopo la messa in Cattedrale alle ore 10,00, a seguire alle ore 11,45 è prevista la cerimonia di commemorazione ufficiale sul luogo della strage e la posa della prima pietra dei lavori di risanamento del “Museo della Memoria” che sorgerà sul luogo della strage. Nel pomeriggio, alle ore 17,00, sempre al Seminario Vescovile di Trapani “Tutto quello che salda la terra con il cielo” con i ragazzi delle scuole di Erice che incontreranno Don Luigi Ciotti e Pietro Maria Fragnelli, Vescovo di Trapani.

SHARE