Una favola fatta da Eccellenze, pensando ad un granDe futuro: ecco il miracolo Paceco

158

Professionalità, ma anche tanta voglia di divertirsi e una buona organizzazione societaria. Prendi una struttura sportiva di alta qualità, un Presidente passionale e innamorato della sua squadra, un direttore sportivo fra i più grandi conoscitori della categoria, un sergente di ferro con esperienza da vendere in panchina, un organico più che buono e un addetto stampa da far invidia a club della serie cadetta e il gioco è fatto. Il progetto della Polisportiva Paceco 1976 continua a vele spiegate verso un futuro roseo, con un presente importante. La salvezza senza passare dai Play-Out è il piccolo capolavoro messo a segno da Salvatore Marino, Bartolomeo Licata e Massimiliano Mazzara, grandi uomini di sport, ma soprattutto dai componenti della rosa che hanno mostrato grande spirito di abnegazione e hanno raggiunto un obiettivo che, visto l’inizio di stagione, sembrava una chimera. L’ex allenatore di Trapani e Mazara è riuscito a conquistare trentanove dei quarantatre punti dei rosso-argento. E pensare che se il Paceco avesse mantenuto questo rendimento da inizio campionato, sarebbe probabilmente ancora in corsa per la Serie D. Intanto si festeggia il mantenimento di una categoria che lì mancava da troppo tempo, raggiunta lo scorso anno con tanti sacrifici. Da domani, magari, si penserà ad altro, viste le ambizioni dei soggetti interessati. L’obiettivo potrebbe anche essere il quarto torneo nazionale o semplicemente diventare a tutti gli effetti la seconda realtà dell’hinterland trapanese. Uno sguardo anche alla cronaca del match col Kamarat. Il vantaggio dei pacecoti giungerà al ventiseiesimo con Parisi che approfitta di un suggerimento dalla sinistra di Iovino e al volo trafigge la porta difesa da Pellitteri. Gli ospiti cercheranno anche il raddoppio con D’Aguanno prima e Albeggiano dopo, ma finirà così. Con il Paceco salvo e il Kamarat in Promozione. Complimenti. [su_spacer]

Il tabellino:

Kamarat: Pellitteri, Mangiapane D. ( 20’st Reina S.), Canzoneri, Tinnirelli, Scrudato A., Barone ( 11’st Greco), Di Liberto (4’st Li Castri), Lo Guasto, Petruzzella, Hader, Giacalone. A disposizione: Mangiapane A., Reina V., La Mattina, ScrudatoV. (All. Maggio)[su_spacer]

Pol. Paceco 1976: Mistretta, Russo, Grimaldi, Agate, Baiata, Bognanni, Terranova, Lamia, Parisi ( 32’st D’Aguanno), Iovino ( 36’st Albeggiano), Marino (30’ st Perricone). A disposizione: Agliano, Rodriquenz, Castiglione, Brusca. (All. Mazzara)[su_spacer]

Arbitro: Mattera di Roma 1; Assistenti: Calderone di Barcellona Pozzo di Gotto e Tomaso di Messina[su_spacer]

Reti: 26’ pt Parisi[su_spacer]

Note: Espulso Scrudato A. (K) al 50’st. Ammoniti: Marino, Grimaldi e Terranova (P) e Lo Guasto ( K). Corner 4 a 3 per il Kamarat[su_spacer]

Foto: Giacomo Rodriquenz

SHARE