Sabato Incontro alla Fardelliana sulla “Dichiarazione dei Diritti Universali dell’Uomo”

89

Sarà l’avvocato Giuseppe Aloisio ad aprire, con una propria relazione, i lavori del quarto ed ultimo incontro sulla “Dichiarazione dei Diritti Universali dell’Uomo” che si terrà sabato, alle ore 17, presso la Biblioteca Fardelliana di Trapani e che è titolato: “Cogito … ergo? Non c’è libertà di pensiero senza libertà di espressione”.[su_spacer]

Nell’incontro, coordinato da Natale Salvo e Giuseppe Cavarretta, anche assieme all’avvocato Fabio Altese, al giornalista e scrittore Ninni Ravazza, al parroco Rino Rosati ed a Emanuele Marino di Amnesty International Palermo, si tratteranno gli articoli 18 e 19 della Dichiarazione, ovvero la libertà di pensiero e di espressione, tanto politica, quanto giornalistica e religiosa.[su_spacer]

Il collegamento evidente è, anche, ai recenti fatti di Parigi, alla strage nella redazione del giornale francese Charlie Hebdo.

«Bisogna sempre ricordarsi che ridicolizzare o mettere alla berlina Gesù Cristo, la Madonna o Maometto o Budda, non si offende solo un Credo religioso, ma si viola la dignità umana, intaccando il fondamento stesso di tutta la costruzione del Diritto universale dei diritti umani», sostiene l’avvocato Giuseppe Aloisio, e sicuramente non è solo il suo pensiero.[su_spacer]

L’avvocato Aloisio, sosterrà tale valutazione nel corso del proprio intervento e, poi, ne dibatterà col pubblico presente. Non condivide, il relatore, quindi, pienamente, la dichiarazione di solidarietà poi diffusa sui media: “Je suis Charlie”:  «Certamente – precisa subito Giuseppe Aloisio -, la sanzione alla violazione di questi Valori non potrà essere la condanna a morte, la lapidazione o il rogo. La sanzione dovrà consistere primariamente nella riprovazione morale della Comunità».[su_spacer]

“Libertà di espressione”, certamente, in sostanza, ma con attenzione: «esistono idee ed opinioni che arricchiscono il patrimonio culturale di ogni individuo, come esistono anche idee ed opinioni che vengono diffuse allo scopo di “oppiare” le menti ed inquinare le coscienze», sostiene e sosterrà sabato l’avvocato Aloisio.

SHARE